lunedì 23 gennaio | 06:32
pubblicato il 23/giu/2011 09:56

P4/Nuova pioggia intercettazioni,Pdl rilancia stretta legislativa

Ma sulla strada di una nuova legge pesano incognite Bossi e Colle

P4/Nuova pioggia intercettazioni,Pdl rilancia stretta legislativa

Roma, 23 giu. (askanews) - Ancora una pioggia di verbali di intercettazioni e interrogatori relativi all'inchiesta P4 che si allarga a macchia d'olio dalla politica all'economia, attraversando un numero sempre maggiore di stanze del potere pubblico con Luigi Bisignani snodo centrale di confidenze, sfoghi, richieste di intervento, suggeritore di nomine e decisioni politiche ed istituzionali. E che vede oggi il Pdl e i veleni incrociati fra esponenti e ministri di primissimo piano fra di loro e nei confronti del Premier Silvio Berlusconi, affiancare Rai, Servizi segreti, Eni, sulla ribalta del diluvio di pubblicazioni. Alle quali, secondo quanto riferito oggi su diversi quotidiani, lo stesso Pdl intende mettere fine al più presto per via legislativa. Riprendendo quota anche l'ipotesi del decreto, qualora non riuscisse il tentativo di un blitz parlamentare che il partito del Premier preferirebbe, per riuscire ad approvare nei 30 giorni che restano di attività parlamentare prima della pausa estiva il ddl approvato dal Senato ma poi arenatosi in commissione Giustizia alla Camera. Decreto-legge o legge di iniziativa parlamentare, però, i voti del solo Pdl non bastano per tradurre i desideri in norme vigenti. C'è da sondare Umberto Bossi e la Lega, che a Pontida hanno chiaramente fatto sapere di non essere più disponibili a sostenere al buio ogni iniziativa del centrodestra in materia di giustizia. Nè si può sottovalutare la posizione di grande prudenza da sempre manifestata in materia dalla Presidenza della Repubblica. Senza il riconoscimento da parte del Quirinale dei requisiti di 'necessità e urgenza' prescritti dalla Costituzione per i decreti legge, la firma di Napolitano e quindi l'entrata in vigore immediata della stretta sulle intercettazioni sarebbero tutt'altro che scontate. Così come non può essere dimenticata l'ultima dichiarazione del Capo dello Stato quando gli furono chieste notizie sul ddl intercettazioni approvato dal Senato: le sue parole allora certificarono il 'binario morto' intrapreso dal provvedimento al Senato. C'è la necessità, insomma, di convincere alleati e Colle che la 'pioggia di pubblicazioni' degli atti sulla P4 abbiano cambiato le cose. Un compito delicatissimo e certo non facile, tanto più in una fase in cui il Guardasigilli in carica fra otto giorni lascerà via Arenula. E l'indicazione del successore che la Costituzione affida al Presidente del Consiglio è di nuovo dal consenso preventivo di Umberto Bossi e Giorgio Napolitano che deve passare per essere tradotta in nomina.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Nato
Emiliano: Trump ignora la Nato? Potremmo rinegoziare trattati
Usa
Gentiloni: Trump? Collaboreremo ma abbiamo i nostri valori
Pd
Emiliano: se qualcuno apre il congresso mi candido segretario Pd
Governo
Gentiloni: D'Alema non aiuta la discussione, troppo polemico
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4