mercoledì 22 febbraio | 16:53
pubblicato il 23/giu/2011 09:56

P4/Nuova pioggia intercettazioni,Pdl rilancia stretta legislativa

Ma sulla strada di una nuova legge pesano incognite Bossi e Colle

P4/Nuova pioggia intercettazioni,Pdl rilancia stretta legislativa

Roma, 23 giu. (askanews) - Ancora una pioggia di verbali di intercettazioni e interrogatori relativi all'inchiesta P4 che si allarga a macchia d'olio dalla politica all'economia, attraversando un numero sempre maggiore di stanze del potere pubblico con Luigi Bisignani snodo centrale di confidenze, sfoghi, richieste di intervento, suggeritore di nomine e decisioni politiche ed istituzionali. E che vede oggi il Pdl e i veleni incrociati fra esponenti e ministri di primissimo piano fra di loro e nei confronti del Premier Silvio Berlusconi, affiancare Rai, Servizi segreti, Eni, sulla ribalta del diluvio di pubblicazioni. Alle quali, secondo quanto riferito oggi su diversi quotidiani, lo stesso Pdl intende mettere fine al più presto per via legislativa. Riprendendo quota anche l'ipotesi del decreto, qualora non riuscisse il tentativo di un blitz parlamentare che il partito del Premier preferirebbe, per riuscire ad approvare nei 30 giorni che restano di attività parlamentare prima della pausa estiva il ddl approvato dal Senato ma poi arenatosi in commissione Giustizia alla Camera. Decreto-legge o legge di iniziativa parlamentare, però, i voti del solo Pdl non bastano per tradurre i desideri in norme vigenti. C'è da sondare Umberto Bossi e la Lega, che a Pontida hanno chiaramente fatto sapere di non essere più disponibili a sostenere al buio ogni iniziativa del centrodestra in materia di giustizia. Nè si può sottovalutare la posizione di grande prudenza da sempre manifestata in materia dalla Presidenza della Repubblica. Senza il riconoscimento da parte del Quirinale dei requisiti di 'necessità e urgenza' prescritti dalla Costituzione per i decreti legge, la firma di Napolitano e quindi l'entrata in vigore immediata della stretta sulle intercettazioni sarebbero tutt'altro che scontate. Così come non può essere dimenticata l'ultima dichiarazione del Capo dello Stato quando gli furono chieste notizie sul ddl intercettazioni approvato dal Senato: le sue parole allora certificarono il 'binario morto' intrapreso dal provvedimento al Senato. C'è la necessità, insomma, di convincere alleati e Colle che la 'pioggia di pubblicazioni' degli atti sulla P4 abbiano cambiato le cose. Un compito delicatissimo e certo non facile, tanto più in una fase in cui il Guardasigilli in carica fra otto giorni lascerà via Arenula. E l'indicazione del successore che la Costituzione affida al Presidente del Consiglio è di nuovo dal consenso preventivo di Umberto Bossi e Giorgio Napolitano che deve passare per essere tradotta in nomina.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd nomina commissione congresso, Emiliano si candida a primarie
Consip
Di Maio: Renzi vuoti il sacco su donazione da Alfredo Romeo
Pd
Pd, Orfini: dopo Emiliano spero ci ripensino Rossi e Speranza
Pd
Speranza: Emiliano resta nel Partito di Renzi, noi no
Altre sezioni
Salute e Benessere
Carnevale, allarme dermatologi: attenzione a trucchi e maschere
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
150 ettari oliveto sul mare a Menfi, prende vita progetto Planeta
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Accordo Asi-Cmsa per esperimenti su stazione spaziale cinese
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
De Caro, alta velocità Brescia-Verona a marzo ok da Cipe