martedì 24 gennaio | 08:49
pubblicato il 25/giu/2011 18:50

P4/Finocchiaro:Per legge intercettazioni seria si parta da ddl Pd

No a decreto e ddl Mastella:garantire insieme privacy e inchieste

P4/Finocchiaro:Per legge intercettazioni seria si parta da ddl Pd

Roma, 25 giu. (askanews) - "Serve una legge che eviti questa deformazione ma permetta alla magistratura di continuare ad usare le intercettazioni come fondamentale strumento di indagine. Questo è un principio sacrosanto. E l'equilibrio tra questi due punti cardine è contenuto nel nostro ddl depositato in Senato. Per discutere partiamo da lì, se vogliamo ragionare seriamente e non strumentalmente". La presidente dei senatori Pd Anna Finocchiaro circoscrive l'ambito dell'apertura del Pd ad una nuova legge sulle intercettazioni, alla luce delle paginate di verbali dell'inchiesta sulla P4 sulla stampa. "Leggo oggi di dialogo o di aperture del PD. Non c'e' dialogo e non ci sono aperture. C'e' un modo serio di affrontare le questioni. Il nostro ddl e' un serio punto di partenza. Le altre sono chiacchiere interessate", ha detto. "Torniamo a parlare di provvedimento sulle intercettazioni ora perchèi giornali pubblicano, legittimamente visto che sono atti pubblici, intercettazioni usate dai magistrati nel corso di indagini sulla cosidetta P4. Da quella inchiesta - ha sottolineato Finocchiaro- emerge un quadro di relazioni di potere che riguardano governo e maggioranza davvero inquietante. E questo e' il primo dato. Che l'opinione pubblica deve conoscere. Poi e' evidente che vengono pubblicate anche intercettazioni che non hanno rilievo penale e che sarebbe il caso non venissero pubblicate. E noi, il Pd, siamo perche' questo tipo di intercettazioni non vengano pubblicate". Ma "per risolvere questo problema - ha detto ancora la capogruppo Pd- non servono decreti (abbiamo discusso per mesi in parlamento e poi tutto si e' fermato e ora perche' scoppia uno scandalo che riguarda il governo facciamo un decreto?), ne' serve riesumare vecchi testi come quello Mastella. La discussione non parte da zero. Se si vuole una legge seria noi ci siamo. Ma questa non puo' essere una leva contro la giustizia e il diritto di informazione. Siamo i primi a volere la tutela dei diritti delle persone. Ma vogliamo anche che le indagini non si fermino. ".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd nega tensione Renzi-Gentiloni su Agcom:non c'è inciucio con Fi
M5s
Di Maio: né Salvini né Meloni, non facciamo alleanze
L.elettorale
Salvini: Consulta deve consentire di andare a elezioni a maggio
L.elettorale
Grillo: legge elettorale sarà quella che deciderà la Consulta
Altre sezioni
Salute e Benessere
Digital Magics cede partecipazione in ProfumeriaWeb a Free Bird
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Tutti a Montefalco per l'Anteprima Sagrantino
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Sugli sci trainati dal drone: arriva il droneboarding
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4