sabato 10 dicembre | 21:42
pubblicato il 23/giu/2011 20:16

P4/ Pdl stringe su intercettazioni ma Colle da sempre ostile a dl

A Camera ddl fermo da un anno, Cicchitto può chiedere ripartenza

P4/ Pdl stringe su intercettazioni ma Colle da sempre ostile a dl

Roma, 23 giu. (askanews) - Le 'lenzuolate' di intercettazioni pubblicate dai giornali sul caso P4 hanno risvegliato nella maggioranza l'urgenza di una legge che le regoli. Ma è proprio la tentazione di partorire un provvedimento in quattro e quattr'otto che anima il dibattito politico trovando non pochi ostacoli sul suo cammino. Il primo è, senza dubbio, il Quirinale. Il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha più volte fatto presente nei mesi scorsi che una legge così importante, che deve contemperare esigenze diverse come il diritto di cronaca e la privacy, deve essere frutto di un ampio, meditato e ricco dibattito parlamentare. Insomma non la si può liquidare con un decreto legge e il Colle mai riconoscerebbe la sussistenza dei requisiti di necessità e urgenza a una norma di questo genere. Cosa è cambiato dall'ultima volta che Napolitano ha parlato pubblicamente del tema intercettazioni? Niente. La posizione del capo dello Stato resta immutata e, a quanto si è capito, nessuno, in questi giorni, ha 'sondato' il Quirinale sull'argomento. Le cose dette dal presidente nei mesi scorsi sono fin troppo chiare. Peraltro, si fa notare in ambienti del Colle, è una questione di cui la Presidenza della Repubblica non è né ha intenzione di essere investita dal momento che la partita è tutta politica e parlamentare. Un ddl, si ricorda, c'è, sta compiendo il suo corso anche se pare 'in sospeso'. Il disegno di legge sulle intercettazioni, infatti, è stato approvato al Senato con la fiducia a giugno dello scorso anno, poi in Commissione alla Camera è stato modificato accogliendo le richieste di Fli, allora ancora in maggioranza, quindi si è completamente arenato in Aula dopo la discussione generale ormai un anno fa, a luglio. Un disegno di legge che, per detta dello stesso premier Silvio Berlusconi, dopo tanti passaggi e mediazioni parlamentari non servirebbe poi a molto. Da qui la 'tentazione' della maggioranza di andare oltre e in fretta. Dalle parti del Pdl, non a caso, c'è chi incalza. Il capogruppo in commissione Giustizia Enrico Costa dice chiaramente che "è il momento di intervenire senza indugio" perché "viene dolosamente sviata la finalità" delle intercettazioni: "La destinazione dei testi non è più il processo, perché la maggior parte di queste non ha rilievo penale, ma le pagine dei giornali: si tratta di un enorme abuso dei soldi pubblici". Simile la denuncia del capogruppo a Montecitorio Fabrizio Cicchitto, che ha lamentato anche il fatto che "l'operazione sia mirata e a senso unico" perchè tutta concentrata su governo e maggioranza. Lo stesso Guardasigilli Angelino Alfano ha ricordato che nelle intercettazioni pubblicate "non c'è nulla di penalmente rilevante" e "per quanto divertente da leggere" non è a costo zero. Anzi, "ammonta a un miliardo di euro il debito nei confronti delle ditte che si occupano di intercettazioni". Nel merito Gaetano Quagliariello suggerisce di ripartire dal testo uscito dal Senato, molto più severo con la stampa e nei presupposti per le intercettazioni del testo ritoccato poi alla Camera. Mentre Costa e Maurizio Lupi rispolverano il ddl Mastella approvato alla Camera nella scorsa legislatura anche coi voti di parte del centrodestra. Ma è diffusa nel Pdl la consapevolezza che un decreto avrebbe poche chance di passare il vaglio del Quirinale. Dunque una mossa possibile per accelerare l'iter di una legge, che però non potrebbe comunque avere effetto sulle intercettazioni sull'inchiesta P4, la può fare Cicchitto nella conferenza dei capigruppo di Montecitorio già convocata per giovedì prossimo per predisporre il calendario di luglio e settembre. Il capogruppo Pdl alla Camera potrebbe chiedere di far ripartire il ddl che si è fermato un anno fa dopo la discussione generale. Quel testo, poco gradito al premier, potrebbe essere quindi nuovamente emendato in Aula. (segue)

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Di Battista:risponderemo a colpi piazza a tentativo fermare M5s
Governo
Di Maio: no a Gentiloni o altro Avatar per salvare la banca Pd
Governo
Renzi al Pd esclude restare,Gentiloni tiene ma partita non chiusa
Governo
Speranza al Pd: indispensabile una scelta di discontinuità
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina