lunedì 27 febbraio | 12:30
pubblicato il 21/giu/2011 15:42

P4/ Garimberti: Intollerabile quanto accaduto in Rai

Fare chiarezza in sedi competenti. Politica stia lontana da Rai

P4/ Garimberti: Intollerabile quanto accaduto in Rai

Roma, 21 giu. (askanews) - E' grave e intollerabile quanto emerso nell'inchiesta P4 riguardo la Rai. Lo ha ribadito il Presidente Paolo Garimberti, in audizione davanti la Commissione di Vigilanza. Garimberti ha chiesto ancora che sia fatta "chiarezza e pulizia nelle sedi competenti" e chiesto che "la politica si tenga il più lontano possibile dalla Rai" perché quanto emerso nell'inchiesta P4 "è la riprova che se per ogni nomina richiede il consenso politico non si nomina più nessuno o non si nominano i più bravi". Il Presidente cita il caso della lettera di licenziamento di Santoro che, secondo le intercettazioni, sarebbe stata scritta non dall'ex Dg Mauro Masi ma da Luigi Bisignani, "è insano". E, ha concluso, "al di là delle valutazioni e della rilevanza penale quanto accaduto è molto grave dal punto di vista aziendale e intollerabile".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Renzi: D'Alema non ha mai digerito rospo, scissione Pd colpa sua
Dp
Rossi: noi fermeremo Grillo, alleanza con Pd se vince Orlando
Governo
Governo, Alfano: non va stroncato per vicenda interna al Pd
Governo
Renzi: no polemiche, governo deve guidare l'Italia fino a elezioni
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Viticoltura vegan cresce: in 2016 +36% richieste certificazione
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech