sabato 03 dicembre | 08:01
pubblicato il 24/giu/2011 11:55

P4/ Frattini: Entro agosto legge, stop intercettazioni su stampa

"Con Bisignani discorsi fatti mille volte, anche in pubblico"

P4/ Frattini: Entro agosto legge, stop intercettazioni su stampa

Roma, 24 giu. (askanews) - Non un decreto, ma "una buona legge" da approvare "entro agosto". Questo il piano del governo per impedire ai giornali di pubblicare in futuro le intercettazioni giudiziarie, alla luce delle paginate sugli atti dell'inchiesta sulla cosidetta P4. Lo ha riferito il ministro degli Esteri Franco Frattini, intervistato da TMNews. "Spero che ci sia la possibilità di farla entro agosto" e "sarebbe un bell'esempio se tutte le forze politiche si mettessero insieme d'accordo" e la approvassero "con urgenza", ha sottolineato il titolare della Farnesina. "Ormai i buoni ormai sono usciti dalla stalla, bisogna far sì che queste vicende non si ripetano più. Una buona legge è necessaria nell'interesse di tutti" ha osservato Frattini. Secondo lui, "il danno ormai è stato fatto, un danno consistente nell'usare intercettazioni stralciate dal magistrato - proprio perché irrilevanti - come strumento per incidere sulla politica, perché quando si riferisce come nel mio caso di conversazioni politiche, che poi io avevo ripetuto in privato e in pubblico molte volte, si fa né più e né meno che un'opera artificiosa di uso di intercettazioni vietate, cioè che non possono essere pubblicate né utilizzate". La conclusione che ne trae l'esponente del Pdl, fra i principali contatti del faccendiere Luigi Bisignani, è che "ci vuole una buona legge che sia ispirata alle regole europee". "Quando un magistrato stabilisce che le intercettazioni si devono usare per il processo devono essere usate nel processo, quando a maggior ragione un magistrato le stralcia dal processo perché sono irrilevanti ovviamente la privacy scatta di nuovo e le intercettazioni vanno proibite" ha fatto notare Frattini, a chi gli chiedeva se la futura legge si tradurrebbe di fatto nell'abolizione della cronaca giudiziaria. Quando poi sono state citate le intercettazioni dei suoi colloqui telefonici con Bisignani, in cui il ministro fa un riferimento esplicito alla possibilità di 'comprare' senatori proponendogli incarichi di governo, Frattini ha risposto: "Altri gliele offrivano, io dicevo che c'era il rischio concreto che si potessero offrire dei posti per far nascere un governo tecnico, cioè un governo di palazzo". "Fortunatamente siamo riusciti a evitare questo e io me ne compiaccio molto - ha proseguito - quindi le mie preoccupazioni erano fondate. C'è stato realmente il tentativo di fondare un governo tecnico di palazzo contro la volontà degli elettori, ma lo ripeto - ha concluso - queste cose le abbiamo dette mille volte, in pubblico e in privato".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Renzi: brogli voto estero? Film che ritorna da chi teme sconfitta
Riforme
Referendum, Salvini: voto estero comprato ma no vincerà comunque
Riforme
Politici, vip e costituzionalisti, tutti divisi al referendum
Riforme
Renzi: col Sì Italia più forte in Ue su crescita e immigrazione
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari