martedì 21 febbraio | 20:49
pubblicato il 07/nov/2011 20:49

P4/ Cassazione conferma domiciliari a Papa e annulla sei accuse

Respinto il ricorso della Procura su uso intercettazioni

P4/ Cassazione conferma domiciliari a Papa e annulla sei accuse

Napoli, 7 nov. (askanews) - I giudici della sesta sezione della Corte di Cassazione hanno annullato con rinvio sei capi di imputazione alleggerendo la posizione di Alfonso Papa nell'inchiesta sulla cosiddetta P4. Si tratta del reato di associazione a delinquere e dei capi d'accusa relativi alla ricettazione di alcune schede telefoniche e ai presunti ricatti a una serie di imprenditori, tra i quali De Martino, Casale e Fasolino. L'annullamento con rinvio implica una nuova valutazione da parte del Tribunale del Riesame. Accolto il ricorso presentato dai legali Giuseppe D'Alise e Carlo Di Casola: Papa resta agli arresti domiciliari. La Cassazione ha invece respinto il ricorso della Procura di Napoli sull'utilizzabilità di una serie di intercettazioni raccolte nella fase investigativa. Per domani mattina è fissata l'udienza del processo a carico di Papa davanti ai giudici della prima sezione del Tribunale di Napoli.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Ultime ore per arginare la scissione nel Pd, occhi su Emiliano
Pd
Pd nomina commissione congresso, Emiliano si candida a primarie
Pd
Pd, Prodi: la scissione è un suicidio, non posso rassegnarmi
Consip
Di Maio: Renzi vuoti il sacco su donazione da Alfredo Romeo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia