domenica 04 dicembre | 06:58
pubblicato il 26/set/2014 13:41

Orlando: su Napoli luoghi comuni che condannano chi vive degrado

"E' abbandono culturale prima ancora che istituzionale" (ASCA) - Napoli, 26 set 2014 - Dopo l'omicidio del 17enne Davide Bifolco, avvenuto a Napoli a inizio settembre, sulla citta' sono stati "rovesciati luoghi comuni". A dirlo e' il ministro della Giustizia, Andrea Orlando, parlando a Napoli nel corso del suo intervento alla cerimonia di inaugurazione della fondazione Foqus ai Quartieri Spagnoli. "Luoghi comuni - ha spiegato il Guardasigilli - che sono stati rovesciati su Napoli dopo i fatti del rione Traiano. Luoghi comuni che - ha proseguito - condannano chi si trova a vivere una difficile situazione, a vivere una realta' degradata come quella, a resistere alla via piu' facile di assoggettarsi ai poteri criminali. Quei luoghi comuni condannano - ha detto ancora Orlando - quelle persone che dovrebbero essere incoraggiate a resistere, a una debolezza ulteriore". "E' un abbandono culturale - ha concluso - prima ancora che istituzionale".

Psc/Ral

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Riforme
Referendum, sfida decisiva per la madrina delle riforme Boschi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari