domenica 04 dicembre | 14:02
pubblicato il 09/dic/2015 19:20

Orlando: ricorreremo contro stop prepensionamento giudici

Dopo ricorso di cinque magistrati accolto da Consiglio di Stato

Orlando: ricorreremo contro stop prepensionamento giudici

Roma, (askanews) - "Ricorreremo in tutte le sedi consentite, perché riteniamo che questo intervento abnorme rischia di avere un impatto molto negativo sul funzionamento del sistema giustizia e che riteniamo non abbia fondamento sulla base della lettera della norma che è stata richiamata". Così il ministro della Giustizia, Andrea Orlando, a proposito della decisione del Consiglio di Stato di sospendere l'efficacia del provvedimento di prepensionamento per alcuni magistrati che avevano presentato ricorso straordinario al presidente della Repubblica.

"Credo abbiamo tutti gli elementi per poter chiedere al Consiglio di Stato una riconsiderazione di questa scelta che ha caratteristiche abnormi e difformi che la stessa magistratura amministrativa aveva avuto nei mesi precedenti", ha aggiunto Orlando a margine della presentazione dei risultati della digitalizzaione della giustizia.

Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari