martedì 21 febbraio | 15:19
pubblicato il 10/set/2014 19:03

Orlando: responsabilita' civile toghe non sia in 'comunitaria'

"Se si puo', preferiremmo" (ASCA) - Roma, 10 set 2014 - Il tema della responsabilita' civile dei giudici dovrebbe avere un iter "autonomo" in Parlamento e non essere inserito nella 'comunitaria'. Il ministro della Giustizia, Andrea Orlando, lo ha detto alla Camera conversando con i giornalisti: "Mi sembra piu' ragionevole farlo viaggiare in modo autonomo, abbiamo sempre contestato la collocazione all'interno della comunitaria, piu' ragionevole metterlo in un provvedimento distinto perche' c'e' una pretestuosita' che abbiamo sempre denunciato nel far discendere quel tipo di responsabilita' dalla pronuncia della Corte. Se si puo' mantenere un'altra strada. E' un tema delicato, abbiamo sempre detto che preferiamo non sia affrontato con emendamenti estemporanei".

Se poi la Lega riproporra' il proprio emendamento "verra' votato", dice Orlando, anche se "non so se il governo mettera' la fiducia. In Consiglio e' stata chiesta l'autorizzazione a poterla porre, ma non e' stato detto come e quando...".

Adm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Enrico Letta: Pd non può finire così, attonito da cupio dissolvi
Pd
Ultime ore per arginare la scissione nel Pd, occhi su Emiliano
Pd
Rossi: io già fuori dal Pd, spero Emiliano sia conseguente
Pd
Pd, Prodi: la scissione è un suicidio, non posso rassegnarmi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ictus, movimento e linguaggio tra le funzioni più colpite
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Olio extravergine, a Sol d'Oro Emisfero Nord Italia batte Spagna 12 a 3
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia