venerdì 20 gennaio | 07:02
pubblicato il 18/mag/2012 05:10

Omofobia/ Italiani per diritti coppie gay,politica si interroga

Nella giornata europea pubblicata a Camera prima inchiesta Istat

Omofobia/ Italiani per diritti coppie gay,politica si interroga

Roma, 18 mag. (askanews) - Il dibattito sulla Giornata europea contro l'omofobia è stato monopolizzato dalla presentazione alla Camera dei deputati dei risultati della indagine dell'Istat sula popolazione omosessuale nella società italiana. E' la prima volta che l'istituto nazionale di statistica fa una rivelazione su 'La popolazione omosessuale nella società italiana' e i risultati - a partire dal favore della maggioranza di italiani per i diritti delle coppie gay - innescano una pioggia di dichiarazioni di esponenti politici, quasi esclusivamente di centro-sinistra, che invocano interventi normativi in materia. La ricorrenza odierna segna la data in cui l'Organizzazione mondiale della sanità (Oms) ha depennato l'omosessualità dalla lista delle malattie mentali. E l'Istat, per l'occasione, snocciola per la prima volta - senza, dunque, possibili paragoni col passato - i numeri sulla percezione dell'omosessualità in Italia. L'indagine è stata condotta su un campione di 7.725 famiglie distribuite in 660 comuni italiani ed è stata finanziata dal dipartimento delle Pari opportunità. Presenti nella sala del Mappamondo di Montecitorio, oltre al presidente della Camera Gianfranco Fini, il sottosegretario alle Pari opportunità Cecilia Guerra, i due ex ministri Barbara Pollastrini (Pd) e Mara Carfagna (Pdl), e diversi parlamentari di Pd, Idv e Fli. Il quadro è sfaccettato. Il 43,9% degli italiani è "molto" o "abbastanza" favorevole ai matrimoni gay. La percentuale sale al 62,8% quando si parla di unioni di fatto (diritti di eredità, reversibilità della pensione, assistenza in caso di malattia). Sulle adozioni da parte di coppie gay solo il 19,4% degli italiani è d'accordo, mentre il 64% è contrario. Un milione di persone si è dichiarato omosessuale o bisessuale (pari al 2,4% della popolazione residente), il 77% dei rispondenti si definisce eterosessuale, lo 0,1% transessuale, il 15,6% non ha risposto al quesito, mentre il 5% ha scelto la modalità 'altro'. I dati, ad ogni modo, "si riferiscono solo alla parte della popolazione che ha deciso di dichiararsi". Sono invece due milioni le persone che dicono di aver sperimentato nella propria vita l'innamoramento, i rapporti sessuali o l'attrazione sessuale per persone del proprio sesso. Chi fa outing, rivelando la propria omosessualità, preferisce farlo con amici e colleghi di lavoro, piuttosto che in famiglia.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
D'Alema: con Renzi non vinceremo mai, leader e premier nuovi
Terremoti
Terremoto, Salvini: il trombato Errani commissario è demenziale
Terremoti
Blog Grillo: col cuore in Abruzzo. E' il momento di essere uniti
Terremoti
Terremoto, Gentiloni presiede a Rieti vertice Protezione Civile
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Ambientalisti italiani in piazza per Trump
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Alibaba diventa partner delle Olimpiadi fino al 2028
TechnoFun
Italiaonline si conferma prima internet company italiana
Sistema Trasporti
TomTom City, la piattaforma monitora il traffico in tempo reale