martedì 21 febbraio | 11:36
pubblicato il 18/mag/2012 05:10

Omofobia/ Italiani per diritti coppie gay,politica si interroga

Nella giornata europea pubblicata a Camera prima inchiesta Istat

Omofobia/ Italiani per diritti coppie gay,politica si interroga

Roma, 18 mag. (askanews) - Il dibattito sulla Giornata europea contro l'omofobia è stato monopolizzato dalla presentazione alla Camera dei deputati dei risultati della indagine dell'Istat sula popolazione omosessuale nella società italiana. E' la prima volta che l'istituto nazionale di statistica fa una rivelazione su 'La popolazione omosessuale nella società italiana' e i risultati - a partire dal favore della maggioranza di italiani per i diritti delle coppie gay - innescano una pioggia di dichiarazioni di esponenti politici, quasi esclusivamente di centro-sinistra, che invocano interventi normativi in materia. La ricorrenza odierna segna la data in cui l'Organizzazione mondiale della sanità (Oms) ha depennato l'omosessualità dalla lista delle malattie mentali. E l'Istat, per l'occasione, snocciola per la prima volta - senza, dunque, possibili paragoni col passato - i numeri sulla percezione dell'omosessualità in Italia. L'indagine è stata condotta su un campione di 7.725 famiglie distribuite in 660 comuni italiani ed è stata finanziata dal dipartimento delle Pari opportunità. Presenti nella sala del Mappamondo di Montecitorio, oltre al presidente della Camera Gianfranco Fini, il sottosegretario alle Pari opportunità Cecilia Guerra, i due ex ministri Barbara Pollastrini (Pd) e Mara Carfagna (Pdl), e diversi parlamentari di Pd, Idv e Fli. Il quadro è sfaccettato. Il 43,9% degli italiani è "molto" o "abbastanza" favorevole ai matrimoni gay. La percentuale sale al 62,8% quando si parla di unioni di fatto (diritti di eredità, reversibilità della pensione, assistenza in caso di malattia). Sulle adozioni da parte di coppie gay solo il 19,4% degli italiani è d'accordo, mentre il 64% è contrario. Un milione di persone si è dichiarato omosessuale o bisessuale (pari al 2,4% della popolazione residente), il 77% dei rispondenti si definisce eterosessuale, lo 0,1% transessuale, il 15,6% non ha risposto al quesito, mentre il 5% ha scelto la modalità 'altro'. I dati, ad ogni modo, "si riferiscono solo alla parte della popolazione che ha deciso di dichiararsi". Sono invece due milioni le persone che dicono di aver sperimentato nella propria vita l'innamoramento, i rapporti sessuali o l'attrazione sessuale per persone del proprio sesso. Chi fa outing, rivelando la propria omosessualità, preferisce farlo con amici e colleghi di lavoro, piuttosto che in famiglia.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
M5s
Vertici M5s a Roma, possibile incontro Grillo-Raggi in Campidoglio
Pd
Enrico Letta: Pd non può finire così, attonito da cupio dissolvi
Pd
Ultime ore per arginare la scissione nel Pd, occhi su Emiliano
Pd
Rossi: io già fuori dal Pd, spero Emiliano sia conseguente
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
Verona Fiere, Evoo Days, al via il primo forum per filiera olio
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia