sabato 10 dicembre | 19:38
pubblicato il 17/mag/2013 12:35

Omofobia: Grasso, Stato riconosca e difenda diritti omosessuali (1upd)

+++''Tutela Lgbt e' ultima frontiera dell'affermazione dei diritti umani - Abbandonare ideologie e preconcetti+++.

.

(ASCA) - Roma, 17 mag - ''Lo Stato si attivi non solo per il riconoscimento, ma anche per la concreta protezione dei diritti degli omosessuali. E' questo un terreno politicamente molto controverso, ma che inevitabilmente le istituzioni democratiche saranno chiamate ad affrontare nei prossimi anni. La sfida che si porra' innanzi alle istituzioni parlamentari e' imparare ad affrontare con lucidita' queste dinamiche sociali, con uno spirito pragmatico e realistico che sappia abbandonare le ideologie e i preconcetti''. Lo ha detto il presidente del Senato, Pietro Grasso intervenendo a Palazzo della Minerva a Roma, alla celebrazione della Giornata mondiale contro l'omofobia, cui hanno partecipato anche la presidente della Camera, Laura Boldrini e il ministro per le Pari opportunita', Josefa Idem.

Grasso, sottolineando come ''il dilagare della discriminazione sessuale o legata all'identita' di genere sia inversamente proporzionale al livello di tutela giuridica riconosciuto alle coppie omosessuali'' ha ricordato come ''la tutela dei diritti delle persone omosessuali, bisessuali e transessuali rappresenti l'ultima frontiera del lungo percorso storico che ha accompagnato l'affermazione e la protezione dei diritti umani''.

Il presidente del Senato, rilevando come per affrontare la questione dei diritti Lgbt sia necessario operare su piu' livelli, da quello sociale a quello istituzionale, ha quindi indicato quale primo livello di tutela, ''le proposte di legge sul contrasto dell'omofobia e della transfobia che anche nella legislatura in corso, come in quelle precedenti, sono state presentate nei due rami del Parlamento. Obiettivo fondamentale di tali proposte che negli anni passati non hanno mancato di sollevare un ampio ed animato confronto parlamentare - ha puntualizzato Grasso - e' quello di intervenire sulle norme esistenti per prevenire e reprimere in modo specifico anche chi commette o chi istiga a commettere atti di discriminazione per motivi fondati sull'omofobia e sulla transfobia''.

Ma altrettanto importante e' anche incidere nel sentire comune, sono ancora parole del presidente Grasso, perche' ''al di la' delle violenze fisiche, che ancora persistono, vi e' poi una violenza psicologica che quotidianamente continua a perpetuarsi nei confronti delle persone LGBT; e' la violenza che nasce dai tanti piccoli e grandi pregiudizi che ancora oggi caratterizzano il pensiero sociale''. Ecco dunque la chiamata in causa della scuola, dell'educazione e della sensibilizzazione scolastica oltre che familiare, dell'informazione. njb

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Di Battista:risponderemo a colpi piazza a tentativo fermare M5s
Governo
Di Maio: no a Gentiloni o altro Avatar per salvare la banca Pd
Governo
Renzi al Pd esclude restare,Gentiloni tiene ma partita non chiusa
Governo
Seconda giornata consultazioni da Mattarella, Gentiloni in pole
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina