lunedì 23 gennaio | 13:38
pubblicato il 17/mag/2013 12:35

Omofobia: Grasso, Stato riconosca e difenda diritti omosessuali (1upd)

+++''Tutela Lgbt e' ultima frontiera dell'affermazione dei diritti umani - Abbandonare ideologie e preconcetti+++.

.

(ASCA) - Roma, 17 mag - ''Lo Stato si attivi non solo per il riconoscimento, ma anche per la concreta protezione dei diritti degli omosessuali. E' questo un terreno politicamente molto controverso, ma che inevitabilmente le istituzioni democratiche saranno chiamate ad affrontare nei prossimi anni. La sfida che si porra' innanzi alle istituzioni parlamentari e' imparare ad affrontare con lucidita' queste dinamiche sociali, con uno spirito pragmatico e realistico che sappia abbandonare le ideologie e i preconcetti''. Lo ha detto il presidente del Senato, Pietro Grasso intervenendo a Palazzo della Minerva a Roma, alla celebrazione della Giornata mondiale contro l'omofobia, cui hanno partecipato anche la presidente della Camera, Laura Boldrini e il ministro per le Pari opportunita', Josefa Idem.

Grasso, sottolineando come ''il dilagare della discriminazione sessuale o legata all'identita' di genere sia inversamente proporzionale al livello di tutela giuridica riconosciuto alle coppie omosessuali'' ha ricordato come ''la tutela dei diritti delle persone omosessuali, bisessuali e transessuali rappresenti l'ultima frontiera del lungo percorso storico che ha accompagnato l'affermazione e la protezione dei diritti umani''.

Il presidente del Senato, rilevando come per affrontare la questione dei diritti Lgbt sia necessario operare su piu' livelli, da quello sociale a quello istituzionale, ha quindi indicato quale primo livello di tutela, ''le proposte di legge sul contrasto dell'omofobia e della transfobia che anche nella legislatura in corso, come in quelle precedenti, sono state presentate nei due rami del Parlamento. Obiettivo fondamentale di tali proposte che negli anni passati non hanno mancato di sollevare un ampio ed animato confronto parlamentare - ha puntualizzato Grasso - e' quello di intervenire sulle norme esistenti per prevenire e reprimere in modo specifico anche chi commette o chi istiga a commettere atti di discriminazione per motivi fondati sull'omofobia e sulla transfobia''.

Ma altrettanto importante e' anche incidere nel sentire comune, sono ancora parole del presidente Grasso, perche' ''al di la' delle violenze fisiche, che ancora persistono, vi e' poi una violenza psicologica che quotidianamente continua a perpetuarsi nei confronti delle persone LGBT; e' la violenza che nasce dai tanti piccoli e grandi pregiudizi che ancora oggi caratterizzano il pensiero sociale''. Ecco dunque la chiamata in causa della scuola, dell'educazione e della sensibilizzazione scolastica oltre che familiare, dell'informazione. njb

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Nato
Emiliano: Trump ignora la Nato? Potremmo rinegoziare trattati
Conti pubblici
Berlusconi: nuova manovra? Rimasti conti da pagare di Renzi
Usa
Gentiloni: Trump? Collaboreremo ma abbiamo i nostri valori
Pd
Emiliano: se qualcuno apre il congresso mi candido segretario Pd
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Tutti a Montefalco per l'Anteprima Sagrantino
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4