domenica 04 dicembre | 05:30
pubblicato il 17/mag/2013 13:17

Omofobia: Boldrini, riconoscere giuridicamante coppie...(1 update)

(ASCA) - Roma, 17 mag - ''Gli omosessuali devono veder riconosciute giuridicamente le loro unioni anche in Italia''.

Lo chiede la presidente della Camera, Laura Boldrini, intervenendo al Senato alla cerimonia di celebrazione della Giornata internazionale contro l'omofobia.

Boldrini spiega che il riconoscimento delle unioni civili, in particolare per gli omosessuali, e' necessario ''anche perche' questo avviene in diciannove Paesi europei. E' l'Europa che ce lo chiede, non solo quindi in tema di rispetto di bilanci, ma sul versante dei diritti''. Anche perche', aggiunge, ''riconoscere diritti a chi non ne ha non significa toglierne ad altri''.

Il presidente della Camera rileva che ''in altri paesi europei erano i leader politici a portare avanti le battaglie per l'avanzamento dei diritti, adesso in Italia sembra accadere il contrario: mentre la diversita' di orientamento sessuale e' ormai largamente accettata, il mondo politico e' rimasto indietro''.

Nella scorsa legislatura, ricorda Boldrini, sono state presentate diverse proposte di legge per introdurre l'aggravante di omofobia nel codice penale e per inserire l'omofobia tra le tipologie di discriminazione sanzionate dalla legge Mancino. L'auspicio, per la terza carica dello Stato, e' che ''il Parlamento riprenda questo lavoro e lo porti finalmente a compimento. Mi adoperero', nell'ambito dei miei poteri, perche' questo accada''.

Per Boldrini ''non e' piu' possibile che, com'e' accaduto ad alcuni miei amici, due persone dello stesso sesso che desiderano passare il resto della loro vita assieme non possano avere un riconoscimento della loro unione, da parte dello Stato italiano, e debbano cercarlo e trovarlo all'estero. Non e' piu' possibile - continua - che se uno dei due partner di una coppia omosessuale e' gravemente malato o viene a mancare, l'altro non abbia il diritto di stargli accanto in ospedale o di ereditare i suoi beni, cosi' come avviene per chi e' sposato. E allora, serve che rapidamente ci si metta al passo con i tempi''.

fdv

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Riforme
Referendum, sfida decisiva per la madrina delle riforme Boschi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari