lunedì 27 febbraio | 14:59
pubblicato il 28/set/2016 18:44

Ok unanime cda Rai a tetto retribuzioni:240mila euro eccetto vip

Primo passo per dare attuazione a richiami Anac su assunzioni

Ok unanime cda Rai a tetto retribuzioni:240mila euro eccetto vip

Roma, 28 set. (askanews) - Il Consiglio di amministrazione della Rai riunitosi sotto la presidenza di Monica Maggioni e alla presenza del Direttore generale Antonio Campo Dall'Orto ha approvato all'unanimità il codice di autoregolamentazione delle retribuzioni. "Si tratta - sottolinea viale Mazzini nel darne notizia.- di un passaggio molto importante nella vita dell'azienda in cui si è dato seguito a quanto annunciato in Commissione di vigilanza nelle sedute del 27 e 28 luglio 2016".

"L'impegno della Rai - sottolinea la nota dell'azienda- è quello di utilizzare come riferimento specifico il rispetto dell'indicazione di tetto retributivo di 240 mila euro oggetto del dibattito parlamentare prevedendo però un ridotto e disciplinato numero di eccezioni legate ad alcune figure apicali operative. Per questo ristretto e quantificato numero di ruoli si rende necessario garantire la possibilità di assicurarsi figure professionali in grado di guidare un'azienda estremamente complessa, che deve agire a pieno titolo sul mercato finanziario. Per le figure indicate, alla retribuzione fissa potrà essere aggiunta una ridotta parte variabile secondo percentuali definite e collegate alla performance. Si tratta, in sostanza, di rispettare l'indicazione del tetto garantendo però a Rai la possibilità di continuare a motivare, attrarre o trattenere i dipendenti con competenze altamente qualificate valorizzandone il merito. Tutto questo nella assoluta consapevolezza che, qualora vi fosse una diversa indicazione da parte del legislatore, l'azienda si atterrà ovviamente al rispetto di quanto deciso dalla legge."

Il Direttore Generale Antonio Campo Dall'Ortoha poi dato conto al Consiglio delle attività in corso per recepire quanto deliberato da Anac. Un primo passo per intervenire sulla correttezza e omogeneità del testo del Piano triennale contro la corruzione è stato fatto oggi recependo la delibera del 26 maggio (con successiva determina del Dg) che disciplinava le fattispecie dell'utilizzo dello strumento del job posting. Il Direttore generale ha anche confermato al Cda che è in corso un'interlocuzione con il Ministero dell'Economia ed è oggetto di analisi legale la posizione più complessa indicata da Anac sulla quale il Direttore riferirà al Consiglio in tempi brevi.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Renzi: D'Alema non ha mai digerito rospo, scissione Pd colpa sua
Dp
Rossi: noi fermeremo Grillo, alleanza con Pd se vince Orlando
Calcio
Renzi: Ranieri tradito dai suoi giocatori, ma tornerà...
Governo
Governo, Alfano: non va stroncato per vicenda interna al Pd
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Specie a rischio, dalla genetica molecolare un aiuto per salvarle
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Fisica, Masterclass: 3000 studenti alla scoperta delle particelle
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech