venerdì 20 gennaio | 13:03
pubblicato il 17/set/2015 18:40

Ok primo voto Senato su riforme Renzi, riflettori su emendamenti

171 i no alle pregiudiziali. Entro mercoledì il milione di modifiche promesse da Calderoli

Ok primo voto Senato su riforme Renzi, riflettori su emendamenti

Roma, 17 set. (askanews) - La maggioranza supera indenne e anzi ottiene anche un ampio margine di voti in Senato sulla prima votazione alla riforma costituzionale quella che ha bocciato le pregiudiziali presentate dalle opposizioni. Oggi lo scarto è stato di ben 93 voti, con 171 no, 8 astenuti (che valgono come voti contrari) e 88 sì. Numeri che tranquillizzano il Pd anche se comprendono quelli della minoranza che potrebbero mancare più avanti sulle votazioni più delicate. Ad ingrossare le fila della coalizione che sostiene Renzi si aggiunge ufficialmente il gruppo dei verdiniani che si dice "pronto a entrare nella maggioranza e magari anche al governo".

Mentre prosegue il dibattito in Aula, che continuerà anche domani, l'attenzione si sposta ora sugli emendamenti che dovranno essere presentati entro mercoledì mattina alle 9. Roberto Calderoli, il più temibile produttore di proposte di modifica per ora tiene le carte coperte ma nei giorni scorsi aveva minacciato diversi "milioni" di emendamenti per l'Aula. Mentre gli altri gruppi di opposizione come Fi e M5s potrebbero limitarsi a ripresentare emendamenti in numero limitato e nel merito. La minoranza ha ribadito che ripresenterà i suoi 17, numero più numero meno, compreso quello che prevede il Senato elettivo modificando l'articolo 2.

Anche la maggioranza presenterà i suoi emendamenti, fermo restando la volontà di non riaprire l'articolo 2, e molto probabilmente ci sarà anche quello che conteneva la mediazione proposta alla minoranza dem sul listino per eleggere i senatori. In ogni caso il Pd ha sempre la possibilità di presentarne anche dopo la scadenza del termine tramite la presidente della Prima commissione Anna Finocchiaro.

A pesare sull'andamento del dibattito e dello scontro sarà ovviamente la decisione che prenderà il Presidente Pietro Grasso sull'ammissbilità degli emendamenti. A Palazzo Madama in molti sono convinti che Grasso si prenderà tutto il tempo necessario e dunque non si pronucerà prima della fine della prossima settimana se non addirittura la successiva, tutto dipende ovviamente della mole di emendamenti che verranno presentati e che dovranno prima essere protocollati dai funzionari del Senato. Viene ricordato infatti che secondo il regolamento del Senato il Presidente prima di esprimersi sugli emendamenti deve averli letti e il suo giudizio su improponibilità e inammissibilità è "inappellabile".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Terremoti
Blog Grillo: col cuore in Abruzzo. E' il momento di essere uniti
Pd
Pd, correnti in tensione su voto subito e leadership Renzi
Terremoti
Gentiloni a Chigi, pre-Consiglio ministri su emergenze sisma-neve
Terremoto
M5s cancella mobilitazione giorno decisione Consulta su Italicum
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Ambientalisti italiani in piazza per Trump
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Our Place in Space, in mostra l'Universo nelle immagini di Hubble
TechnoFun
A Unidata gara per frequenze reti radio a larga banda
Sistema Trasporti
TomTom City, la piattaforma monitora il traffico in tempo reale