martedì 17 gennaio | 06:16
pubblicato il 27/feb/2015 16:26

Ok Camera a 2 mozioni maggioranza su Palestina, evitata frattura

Via libera dell'aula ai documenti Pd e Area popolare-Scelta Civica

Ok Camera a 2 mozioni maggioranza su Palestina, evitata frattura

Roma, 27 feb. (askanews) - Il governo ha evitato una frattura nella maggioranza, con il parere favorevole alle due mozioni, rispettivamente di Pd-Psi-Pli-Pi-Cd e Ap-Sc, contrapposte sul piano ideologico, ma da alcuni definite complementari sul piano formale. Entrambe poi approvate dall'Assemblea di Montecitorio. Nel contempo, anche il Pd ha evitato una netta frattura interna con il ritiro della mozione della socialista Pia Locatelli - che avrebbe avuto il voto favorevole di un discreto numero di democratici - e la presentazione di un testo frutto di un evidente compromesso.

La mozione del Pd, infatti, impegna il governo "a continuare a sostenere in ogni sede l'obiettivo della Costituzione di uno Stato palestinese che conviva in pace, sicurezza e prosperità accanto allo stato d'Israele, sulla base del reciproco riconoscimento e con la piena assunzione del reciproco impegno a garantire ai cittadini di vivere in sicurezza al riparo da ogni violenza e da atti di terrorismo", mentre quella a firma Ap e Sc subordina il riconoscimento dello Stato di Palestina a un'intesa politica tra il gruppo islamico Hamas e il suo antagonista laico Al-Fatah che, attraverso il riconoscimento dello Stato d'Israele e l'abbandono della violenza, determini le condizioni per il riconoscimento di uno Stato palestinese". Quest'ultimo testo ha però raccolto un numero inferiore di consensi rispetto a quello sottoscritto da Pd-Psi-Pli-Pi-Cd: 237 contro 300.

La posizione del governo è stata esplicitata in aula dal ministro degli Esteri, Paolo Gentiloni, per il quale "la soluzione di fronte alla crisi mediorientale è quella dei due Stati", che equivale al "diritto dei palestinesi a un loro Stato e il diritto dello Stato di Israele a vivere in sicurezza di fronte a chi vorrebbe addirittura per statuto cancellarne la stessa esistenza".

Soddisfazione è stata espressa comunque da più parti, partendo da Ncd (che ha votato anche la mozione dei democratici), passando dal Pd e arrivando fino a Sel (il capogruppo Arturo Scotto ha parlato di "una giornata storica"), con Nichi Vendola che ha rivendicato i meriti del suo partito per il risultato definito "un passo in avanti serio raggiunto". Vendola non ha mancato però di sottolineare le contraddizioni, accusando governo e parte del Pd di avere "contribuito a far approvare anche un documento contrastante".

Netto invece il commento del Movimento 5 stelle, che bolla l'azione del governo come "un vergognoso bluff" che nega i diritti della Palestina. E altrettanto netta, ma di segno opposto, la posizione di Fi, totalmente contraria invece al riconoscimento di uno Stato palestinese.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Bersani: Renzi non ha capito lezione, così si sbatte di nuovo
Conti pubblici
Conti pubblici, blog Grillo: Gentiloni e Padoan si dimettano
Centrodestra
Salvini: se Berlusconi preferisce Renzi, meglio soli al voto
Conti pubblici
Ue sollecita manovra correttiva. Gentiloni vede Padoan
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
L'Italia difende Fca dalle accuse tedesche: le sue auto sono in regola
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella, conto alla rovescia Anteprima Amarone
Turismo
A Singapore la gara di Danza del leone, caccia i cattivi spiriti
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Milano Moda Uomo, trionfo di righe e quadri da Missoni
Scienza e Innovazione
Rompicapo galattico per telescopio Hubble
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Milano, ripartono lavori prolungamento M1 fino a Monza Cinisello