lunedì 20 febbraio | 08:38
pubblicato il 22/dic/2014 09:09

Ok Berlusconi a Renzi: al Colle garante anche con voti M5S-Lega

Targa Pd va bene, basta si concordi con Fi. Mai candidato Amato

Ok Berlusconi a Renzi: al Colle garante anche con voti M5S-Lega

Roma, 22 dic. (askanews) - "Il problema non sono le radici politiche. Ma che sia un presidente della repubblica equilibrato, un garante. Noi guardiamo alla persona. Non ha importanza se è di quella parte o di quell'altra. Non va giudicata dal fatto se ha radici in un'area o in un'altra. Si deve trattare di una persona seria, accettata da tutti. Deve essere un garante per tutti quanti. Che svolga il suo ruolo di garanzia nei confronti di ognuno e non di una sola parte. Solo questo, punto e basta".

Il leader di Fi Silvio Berlusconi ha dato pubblicamente il suo benestare al "metodo Renzi" per l'elezione del capo dello Stato: via libera a una indicazione in prima battuta da parte del Pd, purchè concordata con Forza Italia e finalizzata almeno in prima battuta alla maggiore convergenza possibile, Cinque Stelle e Lega compresi. "Vedo che il presidente del Consiglio - ha detto Berlusconi a "Repubblica"- continua a dire che il successore di Napolitano va scelto con il concorso di tutti. Con il concorso nostro, della Lega, del Movimento 5Stelle. È giusto così, siamo d'accordo".

Da uomo pragamtico, Berlusconi ha posto una sola condizione alla scelta: il concorso e il consenso di Forza Italia. Sul cui altare ha immolato in poche battute tanto la precedente precisa richiesta di un presidente "non del Pd alla Giuliano Amato" come l'asserita rivendicazione che il Quirinale fosse parte integrante del patto del Nazareno da lui siglato con Renzi sulle riforme.

"Nei giorni scorsi mi hanno attribuito l'indicazione di Giuliano Amato. Ma non è vero. La mia posizione è assolutamente in linea con quello che serve, ho tracciato un identikit. Ho sempre pensato e ancora penso che il presidente della Repubblica- ha sottolineato Berlusconi, sdoganando anche candidature targate Pd- deve essere una persona equilibrata, seria, competente e che non stia da una parte sola. Non intendo fare liste prima che l'argomento debba essere affrontato ufficialmente: qualunque cosa io dica, verrebbe interpretata come il tentativo di bruciare questo o quel candidato. Io non voglio bruciare nessuno".

Detto questo, però, di una cosa "sono sicuro: che dobbiamo concorrere all'elezione del nuovo presidente della Repubblica. Questo non fa parte del parte del Nazareno ma - è il monito del leader Fi- è una logica conseguenza che noi stiamo partecipando all'approvazione delle riforme. Noi non ci sottrarremo né sulle modifiche alla Costituzione né sulla nuova legge elettorale. Quindi pensiamo di poter contribuire anche sul capo dello Stato votando insieme la nuova Costituzione, si può votare insieme anche per il Quirinale".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, ultima trattativa con Emiliano su primarie dopo comunali
Pd
Cuperlo a Renzi: scendi da auto, non fare 'Gioventù bruciata'
Pd
Renzi si dimette da segretario Pd, ora candidature o congresso
Pd
Renzi apre congresso Pd, minoranza accusa: "Sceglie scissione"
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
"Benvenuto Brunello" Guida Rossa Michelin firma piastrella 2016
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
SpaceX, rinviato lancio del Falcon-9 dalla piattaforma Nasa 39-A
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia