martedì 21 febbraio | 11:12
pubblicato il 17/ott/2013 20:18

Ogm: Orlando scrive a De Girolamo, dare corso a decreto divieto

(ASCA) - Roma, 17 ott - In merito alle coltivazioni di mais Ogm nella regione Friuli Venezia Giulia, il ministro dell'Ambiente Andrea Orlando ha scritto una lettera al ministro delle Politiche agricole Nunzia De Girolamo e per conoscenza anche al ministro della Salute Beatrice Lorenzin.

Nella lettera Orlando ricorda il decreto di divieto di coltivazione del mais geneticamente modificato del 12 luglio scorso, cita l'apparato sanzionatorio esistente e chiede per garantire l'effettiva attuazione del divieto la rapidissima attivazione di un coordinamento tra i Gabinetti dei tre Dicasteri competenti.

''Si evidenzia - scrive il ministro - che la normativa nazionale gia' esistente, oggi arricchita anche dal decreto recante il divieto di coltivazione delle varieta' di mais MON 810, mi risulta gia' essere assistita da un apparato sanzionatorio previsto, con riferimento a fattispecie diversificate nei presupposti, dagli artt. 35 e 36 del decreto legislativo n.

224/2003 e dal decreto n. 70/2005. Per eventuali approfondimenti la competente struttura tecnico-amministrativa di questo Ministero (Direzione Protezione della Natura e del Mare) e' pronta a fornire ogni utile elemento.

Anche al fine di garantire l'effettiva attuazione del citato decreto 12 luglio 2013, ripropongo la rapidissima attivazione di un coordinamento tra i tre Dicasteri competenti, a livello di Gabinetto, allo scopo di determinare ed avviare iniziative concrete da porre in essere per la rapida definizione delle misure di coesistenza da parte delle Regioni. Al riguardo, e' appena il caso di evidenziare che relativamente al ns.

decreto 12 luglio 2013 non solo vanno definite le modalita' per l'attuazione immediata, ma non puo' dimenticarsi che vale per soli 18 mesi.

Da ultimo con riferimento a quanto emerso alla XIII Commissione della Camera dei Deputati, prendo atto della Tua apertura verso i Ministri dell'agricoltura di altri Stati Membri, in vista del semestre di Presidenza italiana dell'Unione Europea, per rimettere all'esame la proposta di modifica della Direttiva 2001/18/CE.

Cio' anche in riferimento agli sviluppi a livello comunitario sulla questione MON 810, dopo la pubblicazione, il 25 settembre scorso, del parere dell'Agenzia Europea per la Sicurezza Alimentare sulla richiesta di adozione delle misure di emergenza previste dell'art. 34 del Regolamento (CE) n.

1829/2003 avanzata dall'Italia''.

com-mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
M5s
Vertici M5s a Roma, possibile incontro Grillo-Raggi in Campidoglio
Pd
Enrico Letta: Pd non può finire così, attonito da cupio dissolvi
Pd
Ultime ore per arginare la scissione nel Pd, occhi su Emiliano
Pd
Pd, Rossi: nasceranno nuovi gruppi parlamentari pro governo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
Verona Fiere, Evoo Days, al via il primo forum per filiera olio
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
La moda porta a Milano 1,7 mld al mese, un terzo viene da estero
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia