domenica 26 febbraio | 05:18
pubblicato il 04/lug/2013 13:53

Ogm: Orlando, non li vogliamo per distinguerci da altri paesi

(ASCA) - Roma, 4 lug - ''Noi non vogliamo gli Ogm perche' non vogliamo che il nostro paese diventi troppo simile o uguale ad altri paesi''. Lo ha detto il ministro dell'Ambiente, Andrea Orlando, nel suo intervento all'Assemblea nazionale della Coldiretti, a Roma. ''Il motivo per cui qualcuno viene dall'altra parte del mondo a visitarlo e' la differenza del nostro Paese - ha osservato Orlando - perche' il nostro paesaggio e' differente, e se noi lo rendiamo uguale al Canada o ad altri enormi 'granai' negli Stati Uniti, per quale ragione un turista che viene da li' dovrebbe venire a visitarci?''.

''Noi vogliamo difendere questa differenza partendo da un presupposto che mi sembra sia passato nella consapevolezza di tutti, a partire da voi'' e cioe' ''che la biodiversita' non riguarda solo i cultori delle aree protette, ma e' una grande infrastruttura economica del nostro Paese'' ha concluso il ministro dell'Ambiente.

stt/res

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Errani lascia Pd: ora nuova avventura, ma ci ritroveremo
Sinistra
Lavoro, scuola, ambiente: abito classico per la sinistra ex Pd
Pd
Pd, Rosato: carte bollate? Emiliano si occupi di contenuti
Governo
Napolitano: equilibrio Gentiloni punto fermo da salvaguardare
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech