martedì 28 febbraio | 08:38
pubblicato il 29/apr/2013 14:25

Ogm: Cia, favorevoli ad adozione clausola salvaguardia

Ogm: Cia, favorevoli ad adozione clausola salvaguardia

(ASCA) - Roma, 29 apr - ''Siamo favorevoli all'adozione in Italia della clausola di salvaguardia nei confronti degli Ogm. Per questo motivo condividiamo la mozione presentata in parlamento dall'on. Susanna Cenni, con la quale s'impegna il governo a muoversi su questa linea per evitare ogni forma di coltivazione nel nostro paese di organismi geneticamente modificati a livello europeo e di tutelare la sicurezza del modello economico e sociale di sviluppo dell'agroalimentare italiano, garantendo cosi' consumatori e produttori agricoli''. Lo scrive in una nota il presidente della Confederazione italiana agricoltori (Cia), Giuseppe Politi.

''Siamo fermamente convinti - aggiunge - che gli Ogm non servono alla nostra agricoltura diversificata e saldamente legata alla storia, alla cultura, alle tradizioni delle variegate realta' rurali. La nostra contrarieta' non e' ideologica. Siamo, infatti, convinti che in Italia ed in Europa e' possibile produrre colture libere da biotech, con beneficio per l'ambiente, la salute, nonche' per migliorare il reddito degli agricoltori e degli allevatori''.

Secondo POliti, inoltre ''non dobbiamo sottovalutare che nel nostro Paese c'e' un fronte anti-Ogm molto piu' ampio. La sicurezza alimentare, il principio di precauzione, la qualita' delle produzioni sono argomenti che stimolano gli interessi dei cittadini italiani, i quali hanno piu' volte ribadito la loro contrarieta' al biotech e soprattutto l'intenzione di voler mangiare bene, sano e tipico''.

Tuttavia, Politi precisa come tutto cio' ''non significa che la nostra posizione sia oscurantista. Da parte della Cia non c'e' alcuna preclusione nei confronti della scienza e della ricerca. Il tutto, comunque, deve essere fatto nel pieno rispetto del principio di precauzione e della tutela delle esigenze peculiari delle produzioni di qualita' e tipiche dei territori agricoli italiani. Nessuno - allerta il presidente Cia - ha mai pensato che fine farebbero i prodotti tipici e di qualita' delle nostre terre con le coltivazioni Ogm: con il biotech c'e' il rischio di far scomparire dalle tavole una varieta' straordinaria di produzioni d'eccellenza''. Per quanto concerne la mozione dell'on Cenni ''siamo d'accordo anche sul fatto che bisogna prevedere, in relazione alla stagione delle semine avviata in gran parte del paese, l'aumento delle attivita' di controllo per potenziare, d'intesa con le regioni, la sorveglianza sui prodotti sementieri in corso di distribuzione ed intervenire in presenza di sementi transgeniche non autorizzate'', conclud il presidente della Cia, Politi.

com-stt/res

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Centrodestra
Zaia a Berlusconi: io candidato premier? E' una manfrina
Centrodestra
Salvini gela Berlusconi: no a Zaia leader e a doppia moneta
Calcio
Renzi: Ranieri tradito dai suoi giocatori, ma tornerà...
Pd
Pd, D'Alema: attacchi Renzi? Non vorrei alimentare ossessioni
Altre sezioni
Salute e Benessere
Malattie rare, Scaccabarozzi: 560 farmaci in sviluppo nel mondo
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Fisica, Masterclass: 3000 studenti alla scoperta delle particelle
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech