mercoledì 18 gennaio | 09:33
pubblicato il 20/mag/2011 05:30

Oggi summit Fli, Urso (per ora) non strappa. Incognita Ronchi

Contatti Pdl-ex ministro. E conterà anche 'clima' riunione

Oggi summit Fli, Urso (per ora) non strappa. Incognita Ronchi

Roma, 20 mag. (askanews) - Adolfo Urso e Gianfranco Fini a pranzo per tentare di evitare lo strappo, Andrea Ronchi al telefono con i colonnelli dell'ex An e 'turista per caso' a una mostra romana alla quale sono presenti Franco Frattini e Gianni Alemanno. Movimenti e contatti che però non sciolgono i dubbi sull'esito dell'assemblea nazionale di Fli che si terrà stamattina a Roma. Forse il momento della verità, forse l'ennesimo rinvio di uno scontro interno che va avanti dall'inizio del 2011. Convocata per discutere di ballottaggi, l'assemblea futurista si è trasformata in tappa potenzialmente esplosiva per il partito finiano. Come finirà nessuno a sera riesce a prevederlo, semplicemente perchè neanche i diritti interessati lo hanno ancora davvero deciso. Urso, ad esempio: nei numerosi contatti avuti con esponenti del Pdl l'ex viceministro ha assicurato di essere pronto a portare in assemblea la linea alternativa sui ballottaggi, valutando se metterla ai voti. Ma nessuno strappo, almeno prima dei ballottaggi, sarebbe alle viste. Rassicurazioni, queste, che avrebbe comunicato anche a Gianfranco Fini e Italo Bocchino nel vertice a tre avuto stamane. Il caso Ronchi è invece diverso. I colonnelli dell'ex An l'hanno sentito al telefono anche ieri, a partire da Matteoli, uno degli artefici dell'operazione. E dal Pdl assicurano che l'addio è questione di giorni, se non di ore. Poi l'ex ministro tornerà in maggioranza, anche se non nel Pdl. Al governo, semmai. Di certo Ronchi ha annullato un incontro già fissato da giorni con La Russa a Milano, ma continua a tessere la sua tela di rapporti. Nel partito c'è chi scommette sul fatto che domani possa mancare all'appuntamento dell'assemblea. Chi ha avuto modo di sentirlo giura però che ci sarà e sosterrà la linea alternativa a quella proposta dai vertici di Fli. Anche dall'accoglienza che gli verrà riservata, sostengono le stesse fonti, dipenderanno le sue scelte. Se il clima in sala oggi dovesse surriscaldarsi oltre il dovuto, lo strappo diverrebbe ancora più probabile. E poi c'è l'incognita congresso. Gira voce, in Fli, che qualcuno dei dissidenti sia intenzionato oggi ad alzarsi per chiedere la convocazione di un'assise straordinaria. Una mossa non confermata per ora dagli interessati, una scelta che da un lato posticiperebbe il momento di un eventuale strappo, ma dall'altro contribuirebbe ad accentuare il caos interno. E' più probabile che alla fine qualcuno chieda più semplicemente l'accelerazione dei congressi locali.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Nato
Mattarella:Nato straodinariamente importante per pace e sicurezza
M5s
Nasce Sharing Rousseau, Di Maio: "Intelligenza collettiva M5s"
Ue
Presidenza Europarlamento: al ballottaggio Tajani e Pittella
Ue
Gentiloni vola da Merkel, sul tavolo conti pubblici e caso Fca
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Nell'Universo ci sono almeno due trilioni di galassie
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa