domenica 26 febbraio | 07:15
pubblicato il 20/mag/2011 05:30

Oggi summit Fli, Urso (per ora) non strappa. Incognita Ronchi

Contatti Pdl-ex ministro. E conterà anche 'clima' riunione

Oggi summit Fli, Urso (per ora) non strappa. Incognita Ronchi

Roma, 20 mag. (askanews) - Adolfo Urso e Gianfranco Fini a pranzo per tentare di evitare lo strappo, Andrea Ronchi al telefono con i colonnelli dell'ex An e 'turista per caso' a una mostra romana alla quale sono presenti Franco Frattini e Gianni Alemanno. Movimenti e contatti che però non sciolgono i dubbi sull'esito dell'assemblea nazionale di Fli che si terrà stamattina a Roma. Forse il momento della verità, forse l'ennesimo rinvio di uno scontro interno che va avanti dall'inizio del 2011. Convocata per discutere di ballottaggi, l'assemblea futurista si è trasformata in tappa potenzialmente esplosiva per il partito finiano. Come finirà nessuno a sera riesce a prevederlo, semplicemente perchè neanche i diritti interessati lo hanno ancora davvero deciso. Urso, ad esempio: nei numerosi contatti avuti con esponenti del Pdl l'ex viceministro ha assicurato di essere pronto a portare in assemblea la linea alternativa sui ballottaggi, valutando se metterla ai voti. Ma nessuno strappo, almeno prima dei ballottaggi, sarebbe alle viste. Rassicurazioni, queste, che avrebbe comunicato anche a Gianfranco Fini e Italo Bocchino nel vertice a tre avuto stamane. Il caso Ronchi è invece diverso. I colonnelli dell'ex An l'hanno sentito al telefono anche ieri, a partire da Matteoli, uno degli artefici dell'operazione. E dal Pdl assicurano che l'addio è questione di giorni, se non di ore. Poi l'ex ministro tornerà in maggioranza, anche se non nel Pdl. Al governo, semmai. Di certo Ronchi ha annullato un incontro già fissato da giorni con La Russa a Milano, ma continua a tessere la sua tela di rapporti. Nel partito c'è chi scommette sul fatto che domani possa mancare all'appuntamento dell'assemblea. Chi ha avuto modo di sentirlo giura però che ci sarà e sosterrà la linea alternativa a quella proposta dai vertici di Fli. Anche dall'accoglienza che gli verrà riservata, sostengono le stesse fonti, dipenderanno le sue scelte. Se il clima in sala oggi dovesse surriscaldarsi oltre il dovuto, lo strappo diverrebbe ancora più probabile. E poi c'è l'incognita congresso. Gira voce, in Fli, che qualcuno dei dissidenti sia intenzionato oggi ad alzarsi per chiedere la convocazione di un'assise straordinaria. Una mossa non confermata per ora dagli interessati, una scelta che da un lato posticiperebbe il momento di un eventuale strappo, ma dall'altro contribuirebbe ad accentuare il caos interno. E' più probabile che alla fine qualcuno chieda più semplicemente l'accelerazione dei congressi locali.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Errani lascia Pd: ora nuova avventura, ma ci ritroveremo
Sinistra
Lavoro, scuola, ambiente: abito classico per la sinistra ex Pd
Pd
Pd, Rosato: carte bollate? Emiliano si occupi di contenuti
Governo
Napolitano: equilibrio Gentiloni punto fermo da salvaguardare
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech