venerdì 09 dicembre | 22:42
pubblicato il 20/mag/2015 09:14

Oggi sì Camera a riforma scuola: via 5X1000, 100 mila assunzioni

Nella notte concluso esame emendamenti.Giannini convoca sindacati

Oggi sì Camera a riforma scuola: via 5X1000, 100 mila assunzioni

Roma, 20 mag. (askanews) - Concluso nella seduta notturna il voto degli emendamenti l'aula della Camera si appresta a dare il primo via libera alla riforma della scuola. Il voto finale al ddl che prevede l'assunzione di circa 100 mila precari a partire dal primo settembre, maggiori poteri per i presidi, limite di 36 mesi per i contratti di supplenza e un fondo di 200 milioni di euro all'anno per premiare il merito dei docenti, è fissato per le 13.

E' stata stralciata la norma sulla possibilità per i contribuenti italiani di finanziare la scuola, pubblica o paritaria, con il 5 per mille. Questione molto contestata dalle opposizioni e anche dalla minoranza Pd che il governo ha deciso di togliere dal tavolo e di ripresentare - è la promessa del ministro dell'Istruzione Stefania Giannini - una volta trovate "coperture aggiuntive" e all'interno di un provvedimento di natura fiscale come la legge di stabilità. La novità è stata accolta positivamente dalle opposizioni parlamentari, ma anche dalla Rete degli studenti e dai sindacati della scuola, Cgil in testa, che sono stati convocati dalla Giannini per lunedì al Miur e che chiedono ulteriori "importanti modifiche" alla legge nel passaggio al Senato. La discussione a Palazzo Madama, peraltro, avrà tempi forse ancora più serrati che a Montecitorio - c'è da considerare anche la pausa per le elezioni amministrative - perchè per essere a regime dal prossimo anno scolastico la riforma dovrà essere licenziata dal Parlamento entro la metà di giugno.

Il premier Matteo Renzi ha ribadito che il blocco degli scrutini "sarebbe un errore clamoroso che va contro i ragazzi e le famiglie", però i sindacati sono "liberi di farlo", di scioperare. Intanto è in corso alla Camera una riunione della minoranza dem che dovrà decidere cosa fare sul voto finale: non partecipare uscendo dall'aula come è accaduto con la fiducia alla legge elettorale o votare sì ma presentando un documento critico.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Renzi verso ok a governo Gentiloni, ma su data voto è rebus
Governo
Orlando: governo per andare al voto, ma Pd non lo fa da solo
Governo
Tosi al Colle: incarico a una figura dal profilo internazionale
Governo
Emiliano: Renzi si dimetta anche da segretario del Pd
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Europei, Olimpiadi e terremoto, il 2016 su Facebook in Italia
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina