martedì 24 gennaio | 12:38
pubblicato il 25/feb/2016 09:29

Oggi in Senato primo via libera con fiducia a unioni civili

Renzi: legge fatto storico per Italia. Vota anche Verdini

Oggi in Senato primo via libera con fiducia a unioni civili

Roma, 25 feb. (askanews) - Primo via libera del Senato oggi al ddl Cirinnà sulle unioni civili dopo l'accordo trovato nella maggioranza di governo. Il maxi-emendamento che ha suggellato il patto tra il Pd e l'alleato di governo Ncd recepisce il testo a firma della senatrice dem Monica Cirinnà ma con le modifiche chieste dai centristi di Area popolare: lo stralcio della stepchild adoption - l'articolo 5 - e l'eliminazione del l'obbligo di fedeltà, l'articolo 3.

Il governo ha posto la fiducia sul maxi emendamento che verrà votato nel tardo pomeriggio di oggi con la prima chiama fissata alle 19 nell'aula di Palazzo Madama. Per la prima volta anche il gruppo di Denis Verdini - che conta in tutto 19 senatori - voterà la fiducia al governo Renzi.

Soddisfatto della legge il premier Matteo Renzi che con un tweet ha espresso il suo plauso: "L'accordo sulle unioni civili è un fatto storico per l'Italia. È davvero la volta buona". Nel maxi emendamento c'è un passaggio che richiama alle adozioni per le quali "resta fermo quanto previsto è consentito in materia dalle norme vigenti". L'adottabilità del figlio del partner resta dunque regolata da una legge del 1983 che i vari tribunali hanno interpretato valutando caso per caso.

Il capogruppo del Pd Luigi Zanda ha comunque promesso che la stepchild adoption non scomparirà dall'agenda del Pd perché "sarà inserita in un ddl sulle adozioni che dovrà essere approvato entro la fine della legislatura". Ieri i movimenti Lgbti hanno protestato sulla nuova versione del ddl Cirinnà con un presidio in corso Rinascimento, davanti al Senato. Critica sulla decisione di porre la fiducia la minoranza dem. "Si sarebbe potuto evitare di mettere la fiducia su un argomento del genere e fare decidere il Parlamento - ha spiegato l'ex segretario Pierluigi Bersani - .Sono convinto che votando in aula ci sarebbe stata la possibilità di avere la legge nella sua compiutezza".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
M5s
Di Maio: né Salvini né Meloni, non facciamo alleanze
L.elettorale
Grillo: legge elettorale sarà quella che deciderà la Consulta
L.elettorale
Partiti attendono Consulta su Italicum. Già divisi sul day-after
L.elettorale
L.elettorale, Grasso: riforma dovrà attendere motivazioni Consulta
Altre sezioni
Salute e Benessere
Al via Peter Baby Bio, progetto toscano per omogeneizzati Km zero
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Del Pesce sarà main sponsor di Aquafarm 2017
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio, Pasquali: strategia Ue premessa solido sviluppo attività
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4