lunedì 05 dicembre | 10:28
pubblicato il 25/feb/2016 09:29

Oggi in Senato primo via libera con fiducia a unioni civili

Renzi: legge fatto storico per Italia. Vota anche Verdini

Oggi in Senato primo via libera con fiducia a unioni civili

Roma, 25 feb. (askanews) - Primo via libera del Senato oggi al ddl Cirinnà sulle unioni civili dopo l'accordo trovato nella maggioranza di governo. Il maxi-emendamento che ha suggellato il patto tra il Pd e l'alleato di governo Ncd recepisce il testo a firma della senatrice dem Monica Cirinnà ma con le modifiche chieste dai centristi di Area popolare: lo stralcio della stepchild adoption - l'articolo 5 - e l'eliminazione del l'obbligo di fedeltà, l'articolo 3.

Il governo ha posto la fiducia sul maxi emendamento che verrà votato nel tardo pomeriggio di oggi con la prima chiama fissata alle 19 nell'aula di Palazzo Madama. Per la prima volta anche il gruppo di Denis Verdini - che conta in tutto 19 senatori - voterà la fiducia al governo Renzi.

Soddisfatto della legge il premier Matteo Renzi che con un tweet ha espresso il suo plauso: "L'accordo sulle unioni civili è un fatto storico per l'Italia. È davvero la volta buona". Nel maxi emendamento c'è un passaggio che richiama alle adozioni per le quali "resta fermo quanto previsto è consentito in materia dalle norme vigenti". L'adottabilità del figlio del partner resta dunque regolata da una legge del 1983 che i vari tribunali hanno interpretato valutando caso per caso.

Il capogruppo del Pd Luigi Zanda ha comunque promesso che la stepchild adoption non scomparirà dall'agenda del Pd perché "sarà inserita in un ddl sulle adozioni che dovrà essere approvato entro la fine della legislatura". Ieri i movimenti Lgbti hanno protestato sulla nuova versione del ddl Cirinnà con un presidio in corso Rinascimento, davanti al Senato. Critica sulla decisione di porre la fiducia la minoranza dem. "Si sarebbe potuto evitare di mettere la fiducia su un argomento del genere e fare decidere il Parlamento - ha spiegato l'ex segretario Pierluigi Bersani - .Sono convinto che votando in aula ci sarebbe stata la possibilità di avere la legge nella sua compiutezza".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, Di Maio: da domani al lavoro per futuro governo M5s
Riforme
Referendum, Renzi: ho perso io e mi dimetto, ma senza rimorsi
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Riforme
Referendum, affluenza boom alle urne: alle 19 è già al 57,24%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari