lunedì 05 dicembre | 22:17
pubblicato il 09/mag/2014 12:00

Ocse, Renzi: non mi interessano previsioni,voglio creare lavoro

"Previsioni sono mare magnum, ciascuno deve fare la sua parte"

Ocse, Renzi: non mi interessano previsioni,voglio creare lavoro

Roma, 9 mag. (askanews) - "Noi abbiamo abbassato le previsioni rispetto a Letta perché vogliamo cercare di essere più prudenti" ma "le previsioni sono un mare magnum dove ciascuno di noi fa la sua parte". Lo ha detto il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, commentando alla Telefonata su Canale 5 le previsioni dell'Ocse che due giorni fa ha tagliato le stime di crescita dell'Italia. "Ieri - ha ricordato Renzi - Moody's ci ha detto che cresciamo. Che sia lo 0,5 o lo 0,8 quello che mi interessa è che le persone trovino un posto di lavoro, tutto il resto sono chiacchiere dei politici, l'Italia può ripatire, noi ci occupiamo dei posti di lavoro. Lascio stare le previsioni".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, Di Maio: da domani al lavoro per futuro governo M5s
Riforme
Referendum, Renzi: ho perso io e mi dimetto, ma senza rimorsi
Riforme
Referendum, Grillo: addio Renzi, ha vinto la democrazia
Riforme
Referendum, affluenza finale 68,48%. Si è votato di più al Nord
Altre sezioni
Salute e Benessere
Diabete, arriva in Italia penna con concentrazione doppia insulina

Roma, 5 dic. (askanews) - Un'iniezione "morbida", più facile, e una penna con il doppio delle unità di insulina disponibili per ridurre il numero di device da gestire: un...

Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Spazio, nuovo successo per il razzo italiano Vega
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari