lunedì 05 dicembre | 10:15
pubblicato il 20/nov/2013 08:58

Nuovo centrodestra: Schifani, non ho tradito Berlusconi (Corsera)

Nuovo centrodestra: Schifani, non ho tradito Berlusconi (Corsera)

(ASCA) - Roma, 20 nov - ''Purtroppo temo che tra poco il presidente Berlusconi, ingiustamente e comunque temporaneamente, non sia piu' candidabile. Ed e' ovvio che si inizi a porre il tema della successione istituzionale, sebbene politicamente resti in campo. Perche' nessuno potra' togliergli il ruolo di leader storico del centrodestra italiano''. Ne e' convinto l'ex capogruppo del Pdl Renato Schifani, fra i primi ad aderire al Nuovo centrodestra di Angelino Alfano. In un'intervista al 'Corriere della Sera' Schifani ha sottolineato che ''Berlusconi vive un momento drammatico. Quale uomo, sottoposto a venti anni di persecuzione giudiziaria, non risentirebbe di questo maltrattamento psicologico? Umanamente lo capisco.

Politicamente chi ha suggerito certe scelte se ne assumera' la responsabilita'''.

Dalle pagine del quotidiano milanese Schifani ha spiegato che ''il 2 ottobre, se Berlusconi non fosse intervenuto in aula al Senato, avrei espresso la sfiducia al governo, sebbene lo ritenessi un errore. Ma ero capogruppo del Pdl e se mi fossi dimesso in quel frangente il mio gesto sarebbe stato traumatico e inopportuno. Quello si' un tradimento, che Berlusconi non avrebbe meritato. Purtroppo - ha aggiunto - dal giorno seguente ci fu una accelerazione che faceva prevedere la rottura, perche' si affermava l'automatismo tra la decadenza di Berlusconi e la crisi del governo. Stava prevalendo una linea estremista che aveva come obiettivo la rivalsa su Alfano, con il quale si volevano regolare i conti.

Quella linea antagonista, dettata da figure del partito che non vengono dalla nostra storia, ha provocato il fallimento dell'ultima mediazione, che mi ha convinto a lasciare''.

Schifani ha poi ribadito che ''andremo da soli'' alle elezioni europee. ''Nessuna operazione con formazioni di centro. Se ci unissimo ad altri - spiega Schifani - perderemmo la nostra carica identitaria e la nostra spinta propulsiva che gia' si scorge sul territorio. Puntiamo a essere una forza che, attraverso la leadership di Alfano, lavori a costruire un grande centrodestra, in un percorso parallelo e competitivo con Forza Italia''.

red-brm/sam/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, Di Maio: da domani al lavoro per futuro governo M5s
Riforme
Referendum, Renzi: ho perso io e mi dimetto, ma senza rimorsi
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Riforme
Referendum, affluenza boom alle urne: alle 19 è già al 57,24%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari