sabato 03 dicembre | 23:18
pubblicato il 28/nov/2013 15:36

Nuovo centrodestra: Quagliariello, vogliamo essere giudicati sui fatti

Nuovo centrodestra: Quagliariello, vogliamo essere giudicati sui fatti

(ASCA) - Roma, 28 nov - ''Non siamo usciti da nulla, abbiamo posto un problema politico, in base al quale la battaglia sullo stato di diritto non puo' essere separata dagli interessi del Paese. Nella gioranta di ieri il comportamento dei senatori del Nuovo centrodestranon ha ceduto su nulla rispetto a come veniva posto il tama della decadenza e sulla irretroattivita'della legge Severino. La rinuncia al voto segreto e' stata un'aggravante di una pagina non bella.

Abbiamo detto che questa battaglia poteva essere coniugata con gli interessi del Paese e su questo si e' consumata la separazione. Noi riteniamo che il lavoro fatto sulla finanziaria chiarisca bene cosa intendiamo quando diciamo di difendere gli interessi dei nostri elettori e vogliamo essere giudicati sui fatti e misurati su questi''. Lo ha detto il ministro per le Riforme, Gaetano Quagliariello nel corso della conferenza stampa a Palazzo Madama.

njb

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Referendum, sfida decisiva per la madrina delle riforme Boschi
Riforme
Referendum, Salvini cavalca no per battezzare destra trumpista
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari