mercoledì 22 febbraio | 05:02
pubblicato il 19/lug/2011 16:30

Nuovo 'Manifesto' cattolici in politica: ma non rifacciamo Dc

Cartello con Cisl, Mcl e Cdo dopo l'iniziativa di mons. Toso

Nuovo 'Manifesto' cattolici in politica: ma non rifacciamo Dc

Roma, 19 lug. (askanews) - Negano di ispirarsi alle idee del cardinal Ruini. Rivendicano, più in generale, di non essere etero-diretti dai vescovi o dal Vaticano. E non vogliono arrivare impreparati all'eventualità di un futuro politico post-berlusconiano, escludendo, però, la rinascita della Democrazia cristiana. A pochi giorni da un convegno nel quale il segretario del Pontificio consiglio Giustizia e pace, mons. Mario Toso, ha invitato parlamentari cattolici di tutti gli schieramenti a valutare l'ipotesi di un nuovo partito di ispirazione cristiana, oggi gli esponenti di sette associazioni hanno presentato a Roma il loro 'Manifesto per la buona politica e il bene comune'. "Il problema in questo momento non sono i progetti ma i soggetti", riassume Bernard Scholz, presidente della Compagnia delle Opere. "Il vero problema è chi si muove e noi ci siamo mossi prima. Il nostro treno è partito. Non abbiamo l'esclusiva e speriamo che altri parteciperanno, ma noi vogliamo contribuire a cambiare il quadro politico in tempi abbastanza veloci". Niente nuovi partiti cattolici? "Ora non è questo il problema. Un cattolico in questo momento deve chiedersi come contribuire a ricostruire questo paese. C'è bisogno che la società civile rinasca e si assuma le sua responsabilità. Il problema in questo momento è dare spazi, incoraggiare questi fermenti". Il segretario della Cisl Raffaele Bonanni era presente all'incontro convocato dall'esponente vaticano ed è presente alla conferenza stampa odierna. "La nostra iniziativa non è in piedi perché Toso ha dato vita ad un altro incontro l'altroieri", spiega. Sulla stessa linea Natale Forlani: il portavoce del Forum delle persone e delle associazioni di ispirazione cattolica nel mondo del lavoro - il cartello che ha organizzato l'odierna conferenza stampa - è anche direttore generale all'immigrazione del ministero del Lavoro, ed è stato segretario confederale della Cisl, e coautore del Libro bianco sul lavoro con Marco Biagi. "C'è un'insufficienza del quadro politico ad affrontare i problemi. Se il Governo cadesse domani noi saremmo i più pronti. C'è spazio per il protagonismo dei cattolici, non per un nuovo partito di cattolici". Se l'iniziativa di Toso - afferma Forlani - era "partita dalla Segreteria di Stato vaticana", il portavoce del Forum nega che il nuovo manifesto si muova sulle orme del 'ruinismo'. "Noi - afferma - ci conosciamo da molto tempo, ora abbiamo maturato l'idea di essere un punto di riferimento per il mondo cattolico". (segue)

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd nomina commissione congresso, Emiliano si candida a primarie
Consip
Di Maio: Renzi vuoti il sacco su donazione da Alfredo Romeo
Pd
Pd, Prodi: la scissione è un suicidio, non posso rassegnarmi
Pd
Pd, Emiliano: non faccio a Renzi il favore della scissione
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia