sabato 10 dicembre | 21:48
pubblicato il 14/lug/2016 20:51

Nuova grana per Renzi: Zanetti con Ala. Sinistra Pd: dimissioni

Bersaniani: Verdini al governo con regia Chigi. Renziani: viceministro resta

Nuova grana per Renzi: Zanetti con Ala. Sinistra Pd: dimissioni

Roma, 14 lug. (askanews) - Nel giorno in cui si voleva solo festeggiare il raggiungimento delle firme per il referendum (quota 600mila) e rivendicare il primo ok al ddl povertà, per Matteo Renzi scoppia una nuova grana: Enrico Zanetti dà vita ad un nuovo gruppo parlamentare alla Camera, insieme ai deputati di Denis Verdini. E la minoranza Pd scende subito sul sentiero di guerra: "Renzi ci ha sempre detto che Verdini restava fuori dalla maggioranza, ora la naturale conseguenza sono le dimissioni di Zanetti dal governo", tuona Speranza.

Un'escalation che nel pomeriggio in Transatlantico in pochi immaginavano. La costituzione di un soggetto di centro che riunisse pezzi dell'attuale maggioranza di governo e i verdiniani era nell'aria da settimane, ma tutti pensavano che il matrimonio si sarebbe celebrato solo tra un po, probabilmente dopo l'estate. Tanto che dalla minoranza Pd - fino all'ufficializzazione del nuovo gruppo - si rispondeva con l'ironia: "Sembra un film di Dario Argento che Verdini entri al governo così...". Mentre Nico Stumpo ironizzava: "E come lo chiamerebbero il nuovo gruppo, dopo Ala? Coscia?". E invece il nuovo gruppo nasce poche ore dopo, e si chiama Scelta Civica verso Cittadini per l'Italia. Ovvero il nome scelto per il nuovo soggetto di centro.

I primi a chiedere le dimissioni di Zanetti sono i vecchi compagni di avventura di Scelta Civica che non hanno seguito il referendum. Poi si aggiunge Speranza. E la prima risposta a caldo dei renziani è secca: "Zanetti è stato scelto per le sue competenze e perchè era in grado di svolgere il suo lavoro. A quale gruppo parlamentare appartenga non importa", replicano dal Nazareno. Per aggiungere ancora più esplicitamente: "Dovremmo cacciarlo perchè ha fatto un gruppo con chi al Senato pur non essendo indispensabile comunque agevola e di parecchio i lavori d'aula?". E un altro dirigente Pd aggiunge: "La verità è che la presenza di Ala rende ininfluente le minacce della minoranza Pd in Senato. Prima era un continuo minacciare, ora le loro armi sono spuntate...".

Insomma, linea dura. Ma se come stabilizzatore dei numeri del Senato Verdini era stato ormai quasi digerito, la nuova collocazione rende tutto più difficile. Soprattutto in vista del referendum costituzionale del prossimo autunno. Prima che il gruppo parlamentare fosse ufficializzato, qualche renziano si lasciava scappare: "Speriamo non succeda prima del referendum...". I più accorti invece evitavano ogni commento, consapevoli della reazione a catena che si sarebbe innescata.

Lo stesso Renzi sarebbe stato informato dell'accelerazione solo in corso d'opera, ma gli uomini di Zanetti assicurano: "Non ci è stato chiesto di fermarci". Nè il segretario di Scelta Civica sembrava intenzionato a recedere dalla decisione di ritirare il simbolo e il nome al gruppo parlamentare, perchè "ormai era un misto e non seguiva più le indicazioni neanche della maggioranza". Anche dai verdiniani si attribuisce lo sprint alle dinamiche interne di Scelta Civica. Ma dalla minoranza Pd la lettura è tutta diversa: "C'è la regia di palazzo Chigi dietro l'ingresso di fatto di Verdini nel governo". Una tensione destinata a salire quando anche al Senato verrà costituito il nuovo gruppo: "E' il prossimo passo", assicurano i centristi. Che della possibilità di dimissioni di Zanetti si fanno beffe: "E che fanno, cacciano il viceministro di un gruppo che ha venti senatori?".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Di Battista:risponderemo a colpi piazza a tentativo fermare M5s
Governo
Di Maio: no a Gentiloni o altro Avatar per salvare la banca Pd
Governo
Renzi al Pd esclude restare,Gentiloni tiene ma partita non chiusa
Governo
Speranza al Pd: indispensabile una scelta di discontinuità
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina