lunedì 05 dicembre | 19:38
pubblicato il 23/set/2014 19:11

Nuova fumata nera su Consulta, Fi ragiona su nuovo nome

Pd conferma Violante,a rischio Bruno. Martedi' prossimo nuovo voto (ASCA) - Roma, 23 set 2014 - Traballa il ticket Donato Bruno-Luciano Violante, i due candidati designati rispettivamente da Forza Italia e Partito democratico per la Corte Costituzionale: oggi il Parlamento in seduta comune ha registrato una nuova fumata nera - la quattordicesima - ampiamente annunciata dalla decisione, arrivata in mattinata, del partito di Matteo Renzi e di quello di Silvio Berlusconi di votare scheda bianca. Una nuova votazione e' stata fissata per martedi' prossimo 30 settembre alle 17: ma mentre Luigi Zanda spiega che al Nazareno confermano "in pieno" Violante, Fi sembra alla ricerca di un altro nome al posto di Bruno.

I vertici dei due partiti hanno maturato oggi la decisione di 'congelare' l'elezione dei due giudici costituzionali anziche' vedere con ogni probabilita' bocciati per l'ennesima volta i due nomi portati avanti da settimane non essendo ancora chiara la posizione di Bruno che, secondo quanto pubblicato dal Fatto quotidiano, sarebbe indagato a Isernia per la vicenda Itierre.

Parte dei parlamentari dem non avrebbero votato il candidato di Forza Italia per il timore di un avviso di garanzia, scelta che avrebbe provocato con molta probabilita' defezioni tra le file di Forza Italia su Violante.

Il senatore azzurro, intanto, non rilascia dichiarazioni ma, si viene a sapere dai suoi collaboratori, ha tutte le intenzioni nei prossimi giorni di recarsi di persona a Isernia nei prossimi giorni a verificare la sua posizione. Ma nel suo partito gia' si ragiona su nuovi nomi (Maurizio Paniz, Giovanni Guzzetta quelli circolati anche nei giorni scorsi) anche se, si spiega, il tema non e' piu' una priorita' facendo notare che la Consulta puo' lavorare comunque.

I destini di Violante e Bruno insomma non sembrano piu' cosi' strettamente incrociati ma la cosa non sembra provocare tra Pd e Fi particolari tensioni. Un segnale positivo oggi dalla seduta comune del Parlamento infatti e' arrivato: l'elezione dei due membri laici del Csm che mancavano sui quali l'accordo ha retto e ha portato all'elezione di Paola Balducci e Piergiorgio Zanettin.

Luc

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, Di Maio: da domani al lavoro per futuro governo M5s
Riforme
Referendum, Renzi: ho perso io e mi dimetto, ma senza rimorsi
Riforme
Referendum, Grillo: addio Renzi, ha vinto la democrazia
Riforme
Referendum, affluenza finale 68,48%. Si è votato di più al Nord
Altre sezioni
Salute e Benessere
Diabete, arriva in Italia penna con concentrazione doppia insulina

Roma, 5 dic. (askanews) - Un'iniezione "morbida", più facile, e una penna con il doppio delle unità di insulina disponibili per ridurre il numero di device da gestire: un...

Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Accordo Altec-Virgin Galactic: l'Italia avrà il suo spazioporto
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari