martedì 06 dicembre | 11:55
pubblicato il 19/mar/2011 18:15

Nucleare/ Napolitano: Ricerca può dare risposte a quesiti

L'importante è porseli mezzi per portare avanti ricerche

Nucleare/ Napolitano: Ricerca può dare risposte a quesiti

Torino, 19 mar. (askanews) - "Non posso giurare di essere un esperto, ma in generale credo che la ricerca possa dare risposta a tutti i quesiti che si pongono" sulla sicurezza dell'energia nucleare. Lo ha detto il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, interpellato a margine del premio Sapio per la ricerca, consegnato tra gli altri anche ad Andrea Malizia, per uno studio sulle polveri radioattive per la messa in sicurezza degli impianti nucleari. Un premio, ha poi puntualizzato il capo dello Stato, che "è pura coincidenza con l'attualità". Napolitano ha poi aggiunto che porsi i quesiti è "importante", così come lo è "avere i mezzi per portare avanti la ricerca".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Italicum a rischio, è già dibattito sulla nuova legge elettorale
Riforme
Dopo il voto Renzi dimissionario al Colle. Mattarella arbitro
Governo
M5S vuole il voto subito. Ma Di Maio premier non convince tutti
Governo
Stamattina colloquio informale Mattarella-Renzi al Quirinale
Altre sezioni
Salute e Benessere
Diabete, arriva in Italia penna con concentrazione doppia insulina

Roma, 5 dic. (askanews) - Un'iniezione "morbida", più facile, e una penna con il doppio delle unità di insulina disponibili per ridurre il numero di device da gestire: un...

Enogastronomia
Ecco la gastro-diplomazia: mangiare bene aiuta a conquistare mondo
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Spazio, nuovo successo per il razzo italiano Vega
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari