sabato 03 dicembre | 03:41
pubblicato il 08/giu/2011 20:12

Non si scioglie gelo, Berlusconi:Su fisco pressate tutti Tremonti

Ieri summit teso, poi una telefonata. E su Lega:Vogliono rompere?

Non si scioglie gelo, Berlusconi:Su fisco pressate tutti Tremonti

Roma, 8 giu. (askanews) - Nottata tormentata, quella di Silvio Berlusconi, faccia a faccia con lo stato maggiore della Lega e con Giulio Tremonti. Alla quale è seguita un 'pranzo di riflessione' con lo stato maggiore del Pdl. Ufficialmente l'agenda fiscale non è stata affrontata, ma la realtà è un'altra. E passa dal timore sul ruolo di Giulio Tremonti, espresso in forme sempre più aspre con il passare dei giorni e il protrarsi dello stallo. Non è bastata insomma la telefonata mattutina tra il premier e il ministro dell'Economia per dissipare tutte le tensioni emerse nel vertice notturno di ieri. Tanto che il Cavaliere, di fronte allo stato maggiore del partito riunito a Grazioli, non si è trattenuto: "Io devo durare fino al 2013, sulla riforma fiscale Tremonti non si può tirare indietro". Il mandato ai colonnelli pidiellini è stato chiaro: "Dobbiamo pressarlo, richiamarci al programma di governo, ricordare che la riforma è nel programma". L'obiettivo, riferiscono, sarebbe quello di mettere 'Giulio' con le spalle al muro, costringerlo alla riforma nonostante i timori per lo stato dei conti pubblici. A qualcuno è venuta in mente la scena raccontata da alcuni parlamentari, nel corso dell'ultimo ufficio di presidenza del Pdl. Parla il ministro dell'Economia, qualcuno lo interrompe leggendo un sms sul cellulare: Moody's ha tagliato il rating... . Tremonti arretra, come scosso dal colpo. Poi una voce chiarisce che si tratta della Grecia. Segnali che dimostrano come la priorità dell'Economia sia quella della stabilità dei conti. I timori per il ruolo di Tremonti fanno il paio con quelli sulla Lega. A uno dei big del Pdl presente alla riunione Berlusconi, poco prima dell'inizio dell'incontro, non ha nascosto tutti i dubbi sulla Lega: "Bisogna capire se davvero vogliono rompere". Di certo, è stato il ragionamento dello stato maggiore pidiellino, nel Carroccio è sempre più evidente la frattura fra 'tremontiani' e 'berlusconiani'. E Bossi? Neanche Berlusconi è sicuro che concedere uffici di rappresentanza dei ministeri al Nord, come scalpo leghista in vista di Pontida, possa realmente bastare. D'altra parte, avrebbe concluso preoccupato il premier, è ormai noto a tutti che Tremonti punti alla leadership nel 2013.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Renzi: brogli voto estero? Film che ritorna da chi teme sconfitta
Riforme
Referendum, Salvini: voto estero comprato ma no vincerà comunque
Riforme
Renzi: col Sì Italia più forte in Ue su crescita e immigrazione
Riforme
Politici, vip e costituzionalisti, tutti divisi al referendum
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari