sabato 03 dicembre | 11:23
pubblicato il 01/feb/2014 12:16

Nomine: Rughetti (Pd), governo misuri risultati prima di decidere

(ASCA) - Roma, 1 feb - ''Giornali e Tv si stanno occupando dai giorni dei rinnovi dei CdA delle aziende controllate o partecipate dallo Stato. Un evento di un certo rilievo se si valutano dipendenti, fatturato, servizi pubblici erogati, patrimonio, risparmiatori e cittadini utenti che sono coinvolti. La prassi vuole che la procedura di rinnovo avvenga nelle secrete stanze di alcuni ministeri e di alcuni salotti buoni: i soliti. Penso che questa prassi sia sbagliata''. E' quanto scrive sul suo blog il deputato del Pd Angelo Rughetti.

''E' invece utile fare queste scelte che legittimamente spettano al Governo - spiega Rughetti - alla luce del sole e seguendo dei criteri oggettivi. Sarebbe auspicabile dare un incarico ad una agenzia indipendente di valutare il patrimonio netto di queste aziende al 31 dicembre 2013 e confrontarlo con il valore che avevano ad inizio mandato.

Alla stessa agenzia sarebbe utile chiedere se le aziende abbiano assunto decisioni in conflitto di interessi ed eventualmente segnalarle. Queste due informazioni dovrebbero essere messe a disposizione di una commissione composta da 2 rappresentanti del Governo, 2 rappresentanti delle Commissioni Bilancio di Camera e Senato e 3 rappresentanti dei consumatori per valutare l'operato che dovrebbe essere reso pubblico e messo a disposizione del Governo per decidere se confermare o cambiare gli amministratori. La stessa agenzia indipendente e la stessa commissione potrebbero essere coinvolte per la valutazione dei curriculum di coloro che si candidano a ricoprire gli incarichi nei CDA da raccogliere previa chiamata pubblica entro un termine stabilito''.

''Infine - chiude il deputato democratico - penso che sarebbe utile mettere un limite temporale ai rinnovi degli incarichi perche' se e' corretto che i sindaci non possono ricandidarsi per il terzo mandato, se e' auspicabile che anche per i parlamentari vi sia un limite di mandati, penso che questo sia necessario per manager pubblici che gestiscono centinaia milioni di euro di fatturato''.

com-sgr/mar

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Politici, vip e costituzionalisti, tutti divisi al referendum
Riforme
Referendum, Renzi: con Mattarella italiani sono in ottime mani
Riforme
Referendum, Grillo: se perdiamo contro il mondo va bene lo stesso
Riforme
Renzi: risultato aperto, in 48 ore ci giochiamo i prossimi 20 anni
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari