giovedì 19 gennaio | 14:50
pubblicato il 09/mar/2011 20:40

Nomi rimpasto ancora in mano a Cav, Berlusconi non sfoglia rosa

Maggioranza ancora senza quadra. Da Colle attenzione su nomi

Nomi rimpasto ancora in mano a Cav, Berlusconi non sfoglia rosa

Roma, 9 mar. (askanews) - Ancora due settimane, poi forse il rimpasto potrà avere luogo. Di rinvio in rinvio, infatti, slittano ancora gli attesi ingressi nel governo. Le caselle, insomma, a meno di clamorose novità non saranno occupate neanche domani. Dovranno aspettare, insomma, le due new entry annunciate (Paolo Bonaiuti e Saverio Romano), così come dovrà attendere Giancarlo Galan (destinato forse ai Beni culturali, forse alla presidenza dell'Enel). E dovranno attendere i tanti 'responsabili' che sognano incarichi di viceministri e sottosegretari. Proprio loro, i Responsabili, discutono e si riuniscono da giorni per tradurre il peso delle diverse componenti in posti di governo. Reclama due ingressi nell'esecutivo la componente di Noi sud. Chiede il ministero l'ala ex Udc siciliana. Aspira a una poltrona Bruno Cesario, riferiscono le stesse fonti, non dispiacerebbe a Silvano Moffa fare il capogruppo dei responsabili, dirottando Sardelli al governo. Dal pdl, intanto, prosegue l'operazione allargamento: sono stati contatti diversi deputati, dalla futurista Giulia Cosenza a due Mpa, fino a un deputato Idv (anche se il dipietrista Borghesi smentisce passaggi). Ma il rinvio dell'ora 'x' per la definizione della squadra di governo è motivato proprio dalla necessità di trovare la 'quadra' tra le varie componenti della maggioranza. Su alcune candidature la Lega Nord ha mostrato palesi perplessità. C'è poi un altro elemento. Come da prassi in vista di un rimpasto di governo i nomi dei 'papabili' vengono prima annunciati, in via informale, al presidente della Repubblica e la valutazione del Quirinale ha sempre un peso importante. Basti ricordare il caso Brancher, il ministro senza portafoglio e con un processo pendente su cui Napolitano ha preso una posizione molto netta: per lui nessun 'legittimo impedimento'. Ed è finita, come si sa, con le dimissioni. Il Colle è molto vigile e sensibile davanti a questo genere di problemi e pare che qualche dubbio sia giunto anche stavolta.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
D'Alema: con Renzi non vinceremo mai, leader e premier nuovi
Pd
Renzi si mette in viaggio in pullman: ripartiamo girando l'Italia
M5s
Grillo lancia il "reddito universale": confronto è su idea futuro
Ue
Gentiloni da Merkel: austerity finita, no a Ue a due rigidità
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ricerca, molti batteri presenti nel neonato vengono dalla madre
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Allarme Clima, il 2016 è stato l'anno più caldo di sempre
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Cern, LHC: Federico Antinori (Infn) responsabile esperimento Alice
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
TomTom City, la piattaforma monitora il traffico in tempo reale