domenica 19 febbraio | 18:15
pubblicato il 03/mar/2011 13:10

No Maroni a election day: a maggio Sindaci, a giugno i referendum

L'opposizione insorge:Governo ci ripensi,brucia oltre 300 milioni

No Maroni a election day: a maggio Sindaci, a giugno i referendum

Roma, 3 mar. (askanews) - Il ministro degli Interni Roberto Maroni ha detto 'no' all'Election Day, ovvero all'accorpamento delle elezioni amministraive di primavera con i referendum già fissati per l'inizio dell'estate. Al termine della riunione di governo di questa mattina, il titolare del Viminale ha infatti annunciato di aver firmato il decreto di indizione dei comizi elettorali per le Amministrative, che sono ufficialmente convocate "per il 15 e 16 maggio, il primo turno, e il 29 e 30 maggio per il secondo turno". Per quanto riguarda invece i referendum su acqua, nucleare e legittimo impedimento, ancora una data definitivamente stabilita dal Governo non c'è. "L'ultimo giorno utile per tenere i referendum è il 12 giugno - ha detto Maroni a Palazzo Chigi - e io sono favorevole a che si tengano in quella data seguendo una tradizione che vede voti separati" rispetto alle amministrative. Dunque "proporrò al Cdm di fissare il referendum il 12 giugno". Una scelta, quella del governo, che ha fatto insorgere le opposizioni, in particolare Pd e Idv che avevano proposto l'election day, insieme ai promotori del referendum. Votare in due giorni separati significa "bruciare oltre 300 milioni di denaro pubblico", hanno denunciato in coro il centrosinistra. "Il Governo - ha detto il leader dell'Idv, Antonio Di Pietro - è impaurito, truffaldino e anche un po' ladro poiché, decidendo di mandare a votare gli elettori una settimana dopo l'altra, spende il doppio dei soldi, con l'unico scopo di disincentivare i cittadini ad andare a votare". E il capogruppo Pd Franceschini nel denunciare "l'assurdo spreco di denaro pubblico per interessi politici di parte", ha annunciato prossime "iniziative parlamentari contro la scelta del governo". Per quanto riguarda le amministrative, va ricordato che sono in tutto 1.310 i Comuni dove si voterà per eleggere sindaci e consigli comunali. Tra questi ci sono undici le città con più di 100 mila abitanti: Milano, Napoli, Torino, Bologna, Trieste, Ravenna, Cagliari, Rimini, Salerno, Latina e Novara. Arezzo. Barletta e Catanzaro sono invece appena sotto i 100 mila. L'unica regione in cui non saranno indette elezioni amministrative sarà il Trentino Alto Adige, mentre in Valle d'Aosta si voterà nel solo Comune di Ayas. Si voterà anche per il rinnovo degli organi elettivi della regione Molise e di undici amministrazioni provinciali: Reggio Calabria, Ravenna, Trieste, Gorizia, Mantova, Pavia, Macerata, Campobasso, Vercelli, Lucca, Treviso.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, ultima trattativa con Emiliano su primarie dopo comunali
Pd
Cuperlo a Renzi: scendi da auto, non fare 'Gioventù bruciata'
Pd
Renzi si dimette da segretario Pd, ora candidature o congresso
Sinistra
Scotto lascia Si: non serve partito ma nuovo centrosinistra
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
"Benvenuto Brunello" Guida Rossa Michelin firma piastrella 2016
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
SpaceX, rinviato lancio del Falcon-9 dalla piattaforma Nasa 39-A
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia