sabato 21 gennaio | 21:24
pubblicato il 08/ott/2014 10:24

No a nozze gay e Alfano attacca: "Contro di me violenza inaudita"

Le polemiche e la rivolta dei Sindaci contro lo stop del ministro dell'Interno alle trascrizioni delle unioni

No a nozze gay e Alfano attacca: "Contro di me violenza inaudita"

Roma, 8 ott. (askanews) - Continua la polemica sulle nozze gay e sul ministro dell'Interno Angelino Alfano dopo lo stop alle trascrizioni delle unioni gay nei comuni italiani. "Quello che mi ha davvero impressionato ieri, a fronte di una direttiva ai prefetti che li invita a invitare i sindaci a rispettare le leggi e a non fare in Italia cose che le leggi non prevedono, è che mi sono visto tirare addosso una quantità di insulti e di aggettivi di una violenza inaudita: da parte di associazioni e di giornalisti, e oggi da parte di titoli di giornali e di esponenti politici", ha detto Alfano. Il ministro dell'Interno è andato a difendersi di persona in tv per la sua diretttiva che vieta ai prefetti di omologare le trascrizioni di nozze gay registrate all'estero come deciso da alcuni Comuni. E che ha scatenato il caos in Italia avendo i Sindaci che hanno adotatto i registri opposto resistenza alla direttiva di Alfano, con l'assicurazione che loro non si fermeranno. A fronte poi dello scontro che in materia si è aperto nel governo soprattutto con il Pd, il leader Ncd si è detto convinto che il no alle nozze gay è condiviso anche dal premier Matteo Renzi. "Il leader del Pd e presidente del Consiglio - ha sottolineato Alfano - ha detto di aver vinto le primarie proponendo il modello tedesco e quelli" nel Partito democratico "che hanno perso le primarie sostenevano per esempio i matrimoni gay, quindi la chiarezza l'ha già fatta Renzi quando ha detto che ha vinto le primarie su una linea politica che non è quella che rappresenta Orfini". Nè lui è intenzionato a cambiare posizione. "Sulla registrazione delle nozze gay all'estero ho solo esercitato la legge". E comunque "sulle unioni di fatto sono laico ma la famiglia non si tocca: Il matrimonio è solo quello tra un uomo e una donna". Anche se "se c'è da intervenire dal punto di vista legislativo per sistemare meglio la relazione dal punto di vista patrimoniale di una coppia non sposata noi siamo pronti e disponibili, perchè siamo persone di questo secolo, non oscurantismi e abbiamo un grande rispetto per l'affettività di tutti". Pol/Tor

Gli articoli più letti
Pd
Prodi: alla sinistra serve un nuovo riformismo
Governo
Grasso: legislatura duri fino a 2018 per recuperare tempo perduto
Parma
Pizzarotti: mi ricandido, non lascio un buon lavoro a metà
Pd
Guerini: Bene Prodi. Ora il Mattarellum, è lo strumento migliore
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4