sabato 10 dicembre | 03:01
pubblicato il 08/ott/2014 10:24

No a nozze gay e Alfano attacca: "Contro di me violenza inaudita"

Le polemiche e la rivolta dei Sindaci contro lo stop del ministro dell'Interno alle trascrizioni delle unioni

No a nozze gay e Alfano attacca: "Contro di me violenza inaudita"

Roma, 8 ott. (askanews) - Continua la polemica sulle nozze gay e sul ministro dell'Interno Angelino Alfano dopo lo stop alle trascrizioni delle unioni gay nei comuni italiani. "Quello che mi ha davvero impressionato ieri, a fronte di una direttiva ai prefetti che li invita a invitare i sindaci a rispettare le leggi e a non fare in Italia cose che le leggi non prevedono, è che mi sono visto tirare addosso una quantità di insulti e di aggettivi di una violenza inaudita: da parte di associazioni e di giornalisti, e oggi da parte di titoli di giornali e di esponenti politici", ha detto Alfano. Il ministro dell'Interno è andato a difendersi di persona in tv per la sua diretttiva che vieta ai prefetti di omologare le trascrizioni di nozze gay registrate all'estero come deciso da alcuni Comuni. E che ha scatenato il caos in Italia avendo i Sindaci che hanno adotatto i registri opposto resistenza alla direttiva di Alfano, con l'assicurazione che loro non si fermeranno. A fronte poi dello scontro che in materia si è aperto nel governo soprattutto con il Pd, il leader Ncd si è detto convinto che il no alle nozze gay è condiviso anche dal premier Matteo Renzi. "Il leader del Pd e presidente del Consiglio - ha sottolineato Alfano - ha detto di aver vinto le primarie proponendo il modello tedesco e quelli" nel Partito democratico "che hanno perso le primarie sostenevano per esempio i matrimoni gay, quindi la chiarezza l'ha già fatta Renzi quando ha detto che ha vinto le primarie su una linea politica che non è quella che rappresenta Orfini". Nè lui è intenzionato a cambiare posizione. "Sulla registrazione delle nozze gay all'estero ho solo esercitato la legge". E comunque "sulle unioni di fatto sono laico ma la famiglia non si tocca: Il matrimonio è solo quello tra un uomo e una donna". Anche se "se c'è da intervenire dal punto di vista legislativo per sistemare meglio la relazione dal punto di vista patrimoniale di una coppia non sposata noi siamo pronti e disponibili, perchè siamo persone di questo secolo, non oscurantismi e abbiamo un grande rispetto per l'affettività di tutti". Pol/Tor

Gli articoli più letti
Governo
Renzi verso ok a governo Gentiloni, ma su data voto è rebus
Governo
Orlando: governo per andare al voto, ma Pd non lo fa da solo
Governo
Tosi al Colle: incarico a una figura dal profilo internazionale
Governo
Seconda giornata consultazioni da Mattarella, Gentiloni in pole
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Europei, Olimpiadi e terremoto, il 2016 su Facebook in Italia
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina