mercoledì 18 gennaio | 23:54
pubblicato il 14/gen/2015 20:58

Niente quirinarie, stavolta M5S aspetta un nome dal Pd

Ma Grillo vorrebbe star fuori dai giochi

Niente quirinarie, stavolta M5S aspetta un nome dal Pd

Roma, 14 gen. (askanews) - Sarà una assemblea congiunta di deputati e senatori M5S, probabilmente la prossima settimana, a definire il percorso dei "grillini" nell'elezione del successore di Giorgio Napolitano. Ma stavolta l'appello al popolo e le manifestazioni inscenate a Montecitorio a favore del giurista Stefano Rodotà non si ripeteranno. La "rete" (gli iscritti al portale Beppegrillo.it) non potrà pronunciarsi a ruota libera, come nella prima edizione delle "quirinarie". Le ipotesi sono due: potrebbe essere fatta dai gruppi parlamentari una rosa di nomi da sottoporre agli attivisti, oppure, ed è l'ipotesi più accreditata al momento, nessuna consultazione on line fino a quando non saranno il Pd e la maggioranza a indicare un candidato "digeribile".

La decisione è stata presa di fatto da un paio di mesi, Beppe Grillo l'ha lasciata trapelare il 18 dicembre scorso evocando il "metodo Sciarra", usato per l'elezione alla Consulta della giuslavorista appulo-fiorentina: "Noi alla fine facciamo scegliere la rete, ma se lo sceglie un'altra persona, un'altra forza alla fine va bene". Nel movimento si confrontano due opzioni: quella di chi in Parlamento dice che collaborare alla scelta di presidente serve solo a esporre M5S al giudizio negativo degli elettori: "Se l'eletto farà qualche porcheria daranno la colpa a noi", spiega un deputato che ci tiene a rimanere anonimo. Preoccupazione che, dicono a Montecitorio, è condivisa da Grillo. Ma c'è anche chi punta al bersaglio grosso: far saltare il patto del Nazareno offrendo i voti M5S per un presidente sgradito a Berlusconi, qualora venisse fuori un nome. Tendenza minoritaria nei gruppi parlamentari, ma alla quale, racconta un grillino "ortodosso", non è insensibile lo stratega Gianroberto Casaleggio.

"Dubito che ci vogliano coinvolgere in una discussione trasparente - spiega l'ex capogruppo alla Camera Giuseppe Brescia - ma stavolta più che dei nomi potremmo decidere di indicare un profilo, un garante della Costituzione". Ivan Della Valle, deputato piemontese non in prima fila sulle questioni istituzionali, si limita a dire che "l'intenzione reale di fare i conti con noi ci sarà solo se si vedrà che i nostri voti servono davvero, come sulla Corte".

"Non facciamo nomi né strategie - avverte Danilo Toninelli, che in passato ha avuto un ruolo di primo piano nella pratica Consulta-Csm - sarebbe inutile. Diciamo quello che non vogliamo: non vogliamo gente con una storia solo di partito. Uno come Mattarella, per esempio, sarebbe un segnale di continuità. E nemmeno tutti i profili esterni vanno bene: un Cassese sarebbe pessimo". E il no, racconta un'altra fonte, arriverebbe "senza esitazioni" anche nel caso di una candidatura di Walter Veltroni, "mentre su Prodi e perfino su Bersani si potrebbe arrivare a ragionare, anche se per ora sono scenari molto improbabili".

Spiazzata l'area dei "dissidenti": dopo la stagione delle uscite con il contagocce, alternate alle espulsioni, potenzialmente ci sono ancora una decina almeno di parlamentari pronti a uscire da M5S e ad offrire i loro voti alla maggioranza, insieme a quelli degli altri transfughi. "Ma si pensava di avere un po' più di temop, e adesso bisogna vedere bene cosa si può fare. Il rischio è arrivare quando i giochi sono già fatti e i nostri voti non servono", dice uno di quelli che sta ancora "dentro" ma ha il cuore già fuori.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Renzi si mette in viaggio in pullman: ripartiamo girando l'Italia
Fca
Fca,Gentiloni a Merkel: omologazione spetta a autorità italiane
Brexit
Brexit,Gentiloni:May fa chiarezza, Ue pronta a discutere con Gb
Terremoti
Terremoto, Boschi segue situazione. In contatto con Curcio e Errani
Altre sezioni
Salute e Benessere
"Guarda che bello", quando gli occhi dei bimbi si curano con gioia
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Leader mondiali dell'industria danno vita all'Hydrogen Council
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
"L'Ara com'era", il racconto dell'Ara Pacis diventa più immersivo
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Gb, arrivato a Londra primo treno merci proveniente dalla Cina