mercoledì 22 febbraio | 10:02
pubblicato il 21/giu/2011 21:10

Niente ministeri al nord nè pedaggio sul GRA, Roma canta vittoria

Alemanno: "Grande giornata", Polverini: 'Segnale inequivocabile'. Zingaretti: 'Ci han fatto perdere un sacco di tempo'

Niente ministeri al nord nè pedaggio sul GRA, Roma canta vittoria

Roma, 21 giu. (askanews) - Si è concluso con una vittoria di Roma (a meno di successive sorprese al momento non prevedibili) lo scontro sul trasferimento dei ministeri al Nord e sul pedaggio sul Grande Raccordo Anulare, dopo il parere favorevole della Camera a tutti gli ordini del giorno contro le richieste leghiste di traslocare alcuni dicasteri fra Milano e Venezia. Un 'successo' reso ancor più dolce dal via libera, sempre a Montecitorio, agli odg che scongiurano l'ipotesi pedaggi sul Gra e sulla Roma-Fiumicino. Una giornata che, però, ha tenuto con il fiato sospeso il sindaco di Roma Gianni Alemanno e il governatore della Regione Lazio Renata Polverini fino al voto parlamentare. "Questa è una grande giornata non solo per Roma ma per tutta l'Italia, non è una vittoria di Alemanno e di Renata Polverini" ha sintetizzato il sindaco Alemanno, che non ha risparmiato una stoccata alla Lega: "la questione dei ministeri non interessava a nessuno: era soltanto un modo propagandistico per dare fastidio a Roma e raggranellare qualche voto" . Ad Alemanno ha fatto eco la Polverini che, sulla questione ministeri, ha sottolineato "il segnale inequivocabile arrivato dal voto: i ministeri devono restare a Roma", e sullo stop ai pedaggi ha chiesto all'esecutivo "di dare seguito agli odg con provvedimenti concreti in modo da escludere in via definitiva l'introduzione di un balzello ingiusto per i cittadini, e in particolare per i pendolari del Lazio". "Sono convinta - ha aggiunto Polverini - che la Lega rinuncerà alla sua battaglia solitaria e interromperà la raccolta di firme avviata a Pontida. Se così sarà, faremo altrettanto, altrimenti continueremo a tutelare il nostro territorio". Resta critico, il presidente della Provincia di Roma, Nicola Zingaretti, ferreo oppositore delle pretese leghiste: "La sensazione è che ci hanno fatto perdere un sacco di tempo. Speriamo che l'incubo sia finito, cioè questo modo di procedere che ci distrae dai veri problemi italiani. Vigileremo - ha concluso - perchè ho i miei dubbi che lo sia".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd nomina commissione congresso, Emiliano si candida a primarie
Consip
Di Maio: Renzi vuoti il sacco su donazione da Alfredo Romeo
Pd
Di Maio (M5s): elettori Pd disorientati, guardano a noi
Pd
Speranza: Emiliano resta nel Partito di Renzi, noi no
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Al via a Verona Transpotec: espositori in crescita + 20%