venerdì 09 dicembre | 09:30
pubblicato il 06/ago/2016 15:24

Nel Pd sale tensione su referendum, ultimatum Speranza a Renzi

"Cambi Italicum o votiamo no". Replica Rosato: 'Suicidio politico'

Nel Pd sale tensione su referendum, ultimatum Speranza a Renzi

Roma, 6 ago. (askanews) - Mentre si avvicina il via libera della Corte di Cassazione al referendum costituzionale, torna a salire la tensione all'interno del Pd.

Intervistato da "La Repubblica", il leader della minoranza Dem Roberto Speranza ha lanciato un ultimatum al premier e segretario Matteo Renzi sul referendum. "Senza una vera svolta sulla legge elettorale - ha detto - il giudizio complessivo finirebbe per essere negativo. E quindi non potrei votare sì". Dunque la condizione della sinistra Pd è avviare, subito, il cambiamento dell'Italicum. "Il nostro Mattarellum 2.0 - ha rivendicato Speranza - evita un Parlamento di nominati e limita il premio di maggioranza. Purtroppo, al di là di qualche mossa tattica sui tempi, non c'è stata alcuna vera risposta. Il problema è che non bastano ammiccamenti o segnali di fumo: è l'ora delle risposte politiche". E se poi la riforma sarà bocciata dai cittadini, ha ammonito Speranza, "immaginare che dopo Renzi ci sia il burrone è sbagliato. Dopo di lui non c'è il diluvio". Sulla stessa linea di Speranza il senatore Miguel Gotor che, via Twitter, avverte: "O il Parlamento cambia Italicum o lo cambieremo con i cittadini votando no al #referendone".

Con Renzi a Rio per l'apertura delle olimpiadi brasiliane, la risposta è affidata allo stato maggiore Pd, a partire dai vicesegretari. Sulla modifica della legge elettorale non ci sarà "nessun tabù" ma "un'iniziativa del Pd e del governo c'è già stata e si chiama Italicum", afferma Debora Serracchiani. "Nel Pd il diritto al dissenso è garantito, ma non si può chiederci di avere un atteggiamento neutrale sul referendum. Il Pd è schierato per il sì a una riforma voluta, costruita, votata per cambiare in meglio l'architettura istituzionale del Paese", aggiunge Lorenzo Guerini, ribadendo che comunque i parlamentari che si schierano per il no non saranno sanzionati.

E se il renziano deputato e segretario toscano Dario Parrini parla di "pretestuosità eclatante" delle tesi di una minoranza che si comporta da "partito d'opposizione", il capogruppo alla Camera Ettore Rosato definisce un "suicidio politico, solo per fare un dispetto a Renzi, votare no".

Dal ministro per le politiche agricole Maurizio Martina arriva un invito ad abbassare i toni: "Il mio sì convinto al referendum è per il Paese prima di tutto. Oltre le discussioni interne al Pd. Bisognerebbe evitare di piegare qualsiasi ragionamento a dibattito para congressuale".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Pontassieve riaccoglie Renzi: "non molli ora, deve andare avanti"
Governo
Mattarella apre consultazioni,l'arbitro silente debutta in campo
Governo
Renzi domani torna a Roma, oggi pranzo dal padre e poi a Messa
Governo
Crisi, Grillo: elezioni subito senza scuse, legge elettorale c'è
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina