sabato 21 gennaio | 17:14
pubblicato il 21/ott/2015 15:31

Nel Governo si apre il caso Barracciu, M5s chiede le dimissioni

La sottosegretaria Pd rinviata a giudizio. Fi: è il bis di Lupi?

Nel Governo si apre il caso Barracciu, M5s chiede le dimissioni

Roma, 21 ott. (askanews) - Per il governo si riapre il caso di Francesca Barracciu, sottosegretaria ai Beni culturali, rinviata a giudizio dal Gup di Cagliari Lucia Perra. Per Barracciu l'accusa è quella di peculato aggravato nell'ambito di una inchiesta sul presunto uso illecito di fondi dei gruppi del Consiglio regionale della Sardegna. Il processo comincerà il 2 febbraio 2016.

Francesca Barracciu aveva vinto le primarie del centrosinistra per la candidature alla presidenza della Regione Sardegna nel 2013. Candidatura a cui rinunciò su richiesta del Pd guidato da Matteo Renzi proprio a seguito del suo coinvolgimento sull'inchiesta sulle spese pazze in Consiglio regionale. Rinuncia poi compensata nel 2014 con la nomina a Sottosegretario ai Beni Culturali nel governo Renzi: incarico che ne comportò le dimissioni dall'Europarlamento dove siedeva dal 2012 in sostituzione di Rosario Crocetta.

Il Movimento 5 stelle ha rinnovato la richiesta di dimissioni del sottosegretario come già aveva fatto al momento della notizia dell'avviso di garanzia, a marzo 2014, chiedendone conto in aula al Governo in apposito question time. "La ministro Boschi - hanno ricordato i gruppi parlamentari M5s di Camera e Senato - all'epoca rispose: 'Non è intenzione di questo governo chiedere dimissioni di ministri o sottosegretari sulla base di un avviso di garanzia'. Benissimo, ora che il sottosegretario alla Cultura è stata rinviata a giudizio per il presunto uso illecito di fondi pubblici, quindi soldi di tutti i cittadini - è la richiesta M5s- il governo farebbe bene a trarne le dovute conseguenze e la Barracciu a dimettersi, togliendo l'ennesima onta su questo esecutivo".

"Noi - afferma Elvira Savino, deputata di Forza Italia - siamo garantisti 365 giorni all'anno, il Pd solo quando gli conviene.Chissà se oggi Renzi è giustizialista o garantista e se chiederà per opportunità politica un passo indietro alla sottosegretaria Pd dei Beni culturali Francesca Barracciu, così come chiese un passo indietro al ministro Lupi che non era neppure indagato".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Prodi: alla sinistra serve un nuovo riformismo
Governo
Grasso: legislatura duri fino a 2018 per recuperare tempo perduto
M5s
Ue, Grillo: Alde? Si vergogni chi si è rimangiato la parola data
Fi
Fi: sostegno Berlusconi a Prodi? Accuse Salvini paradossali
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4