domenica 26 febbraio | 20:57
pubblicato il 14/gen/2014 17:00

Ncd: Sacconi, no a liberalizzazione flussi migratori e droghe leggere

Ncd: Sacconi, no a liberalizzazione flussi migratori e droghe leggere

(ASCA) - Roma, 14 gen 2014 - ''Il riordino delle pene detentive non deve costituire pretesto per abbassare la guardia rispetto ai fenomeni degli ingressi clandestini e della produzione e spaccio delle droghe leggere''. Lo afferma il capogruppo di Ncd al Senato, Maurizio Sacconi, precisando: ''Siamo disponibili solo a un rafforzamento delle deterrenze contro la clandestinita', in modo che l'ingresso senza titolo rimanga un comportamento illecito e si definiscano procedure piu' semplici ed efficaci per la tempestivita' dell'espulsione e per la repressione ancor piu' ferma della ripetizione dell'illecito stesso''. ''Il disvalore dello spaccio delle droghe leggere - aggiunge l'ex-ministro - deve rimanere codificato in relazione alle molte autorevoli testimonianze circa la progressiva dipendenza cui possono condurre le persone piu' fragili e lo sviluppo delle attivita' criminali che ad esse si connette. La crisi della nostra societa' si accentuerebbe in un contesto di affievolimento dei suoi principi e del suo ordine pubblico''.

com-sgr/sam/ss

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, Veltroni: la sinistra divisa consegna l'Italia al polulismo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech