domenica 19 febbraio | 22:37
pubblicato il 28/gen/2012 09:47

Naufragio Giglio/Giornale insiste,ancora polemica con Der Spiegel

Sallusti: I lettori sono con noi, Merkel non faccia la maestrina

Naufragio Giglio/Giornale insiste,ancora polemica con Der Spiegel

Roma, 28 gen. (askanews) - Il Giornale ci riprova. Dopo l'apertura di ieri, 'Tedeschi, a noi Schettino, a voi Auschwitz", anche oggi il quotidiano torna in edicola con la polemica contro l'articolo di Der Spiegel che aveva definito gli italiani una "non razza di codardi" in riferimento al comportamento del comandante della Costa Concordia dopo il naufragio all'isola del Giglio. "Servi dei tedeschi, l'Italia dice nein", è il titolo di prima oggi, riferito alle lettere e ai commenti pervenuti al Giornale sulla scelta di ieri. "Da ieri - spiega nel suo editoriale il direttore Alessandro Sallusti - la distanza tra la Germania e l'Italia si è accorciata e non mi riferisco al valore dei titoli di Stato. Parlo della consapevolezza che i tedeschi non sono una razza superiore e che noi italiani non siamo il loro zerbino nè servi di nessuno. Lo deduco dopo aver letto molti dei commenti recapitati a migliaia sul nostro giornale e circolati in rete" sulla prima pagina di ieri. "Il senso del mio articolo era che i tedeschi possono insegnarci alcune cose ma non come stare al mondo. La loro storia glielo impedisce e la devono smettere di fare i maestrini d'Europa perchè, indipendentemente dal Pil, hanno seminato solo lutti e disastri - continua - La sorpresa è che su questa tesi si è ritrovato un popolo che non ha colore politico ma dignità e senso di appartenenza. E che è stufo di pendere dalle labbra di Merkel e soci". "Non meritiamo di essere declassati da oscure agenzie di banchieri che negli scorsi anni ci hanno imbrogliati e depredati", aggiunge Sallusti che conclude: "Se tutto questo è successo è perchè noi italiani gliel'abbiamo permesso in nome dell'antiberlusconismo: denigrare l'Italia per colpire l'ex premier. (...) A rimuovere le responsabilità tedesche nella caccia agli ebrei in nome del politicamente corretto si rischia il negazionismo. A parlare di razza, come ha fatto il giornalismo dello Spiegel, si rischia il nazismo. Non ci pentiamo di averlo scritto...".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, ultima trattativa con Emiliano su primarie dopo comunali
Pd
Cuperlo a Renzi: scendi da auto, non fare 'Gioventù bruciata'
Pd
Renzi si dimette da segretario Pd, ora candidature o congresso
Pd
Termina assemblea Pd, Orfini: "Congresso formalmente indetto"
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
"Benvenuto Brunello" Guida Rossa Michelin firma piastrella 2016
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
SpaceX, rinviato lancio del Falcon-9 dalla piattaforma Nasa 39-A
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia