martedì 06 dicembre | 07:02
pubblicato il 20/gen/2011 17:42

Nascono i Responsabili,ma maggioranza Camera sale solo di un voto

Gruppo vede luce solo grazie a due prestiti Pdl. Governo a +4

Nascono i Responsabili,ma maggioranza Camera sale solo di un voto

Roma, 20 gen. (askanews) - Con la lettera inviata al presidente della Camera, Gianfranco Fini, vede ufficialmente la luce il gruppo parlamentare dei cosiddetti 'responsabili' ma soltanto grazie al 'soccorso' del Pdl: senza l'adesione di Mario Pepe e Vincenzo D'Anna, infatti, i membri si sarebbero fermati a 19, non raggiungendo quindi la quota minima di 20, necessaria, da Regolamento, a dare vita a un nuovo gruppo. E, nonostante il rilievo mediatico dato al battesimo ufficiale avvenuto questa mattina in un'affollata conferenza stampa a Montecitorio, poco cambia per i risicati numeri della maggioranza che, dalla quota 314 ottenuta il 14 dicembre scorso, passa a 315 calcolando l'ex Fli Silvano Moffa che non partecipò al voto sulla mozione di sfiducia al governo Berlusconi. 'Iniziativa responsabile' - così si chiama il neonato gruppo - infatti raccoglie i deputati del gruppo Misto eletti con la maggioranza o che avevano già deciso di passare con la maggioranza alla vigilia della bocciatura del voto di sfiducia: oltre ai due Pdl D'Anna e Pepe si tratta degli esponenti di Noisud Elio Belcastro, Arturo Iannaccone, Luciano Sardelli, Antonio Milo, Amedeo Porfidia; gli ex Udc Saverio Romano, Giuseppe Ruvolo, Michele Pisacane, Pippo Gianni; gli ex Api, già ex Pd, Massimo Calearo e Bruno Cesario; gli ex finiani Silvano Moffa, Catia Polidori, Maria Grazia Siliquini, Giampiero Catone; gli ex Idv Antonio Razzi e Domenico Scilipoti; Francesco Pionati e Maurizio Grassano. Non aderiscono Antonio Gaglione e Calogero Mannino, il primo facendo sapere che non appoggerà il governo Berlusconi pur senza escludere il voto a favore di qualche singolo provvedimento, il secondo invece non mettendo in discussione il sostegno all'esecutivo. "Nelle prossime settimane - assicura Moffa - ci saranno altre adesioni. Non siamo un'armata Brancaleone disposta a tutto come qualcuno ha ironizzato ma una cosa molto diversa". E Pionati spiega: "Se non fosse stato per noi Berlusconi non sarebbe dove è. Ora l'immagine di una legislatura legata a una trattativa estenuante con il Terzo Polo è archiviata, perché si tratta di un polo residuale che non avrà più capacità di influenzare la maggioranza. Il premier è libero da preoccupazioni o incubi di questo tipo". Quanto all'ingresso dei responsabili nel governo, Romano fa sapere: "Noi non abbiamo chiesto nulla, né c'è stato proposto nulla. C'è una nuova maggioranza che si è realizzata il 14 dicembre, oggi si organizza, viene da sé che questo gruppo parlamentare debba dare la propria disponibilità anche se sarà chiamato a ricoprire cariche di governo...".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Italicum a rischio, è già dibattito sulla nuova legge elettorale
Riforme
Dopo il voto Renzi dimissionario al Colle. Mattarella arbitro
Governo
M5S vuole il voto subito. Ma Di Maio premier non convince tutti
Governo
Stamattina colloquio informale Mattarella-Renzi al Quirinale
Altre sezioni
Salute e Benessere
Diabete, arriva in Italia penna con concentrazione doppia insulina

Roma, 5 dic. (askanews) - Un'iniezione "morbida", più facile, e una penna con il doppio delle unità di insulina disponibili per ridurre il numero di device da gestire: un...

Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Spazio, nuovo successo per il razzo italiano Vega
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari