sabato 25 febbraio | 17:40
pubblicato il 28/dic/2013 11:57

Napolitano: Zanda (Pd), regolamenti Camere da modificare (La Stampa)

Napolitano: Zanda (Pd), regolamenti Camere da modificare (La Stampa)

(ASCA) - Roma, 28 dic - ''Il procedimento legislativo si e' andato via via deformando negli ultimi venti anni ed oggi la malattia e' ancora piu' evidente. C'e' stato un progressivo svuotamento della funzione legislativa del Parlamento''. Lo dice in un'intervista alla Stampa Luigi Zanda, capogruppo del Partito democratico al Senato. E poi aggiunge: ''La radice del pericolo sta nell'eterogeneita' delle materie di questi provvedimenti. Quando un decreto regolamenta troppe materie diverse fra loro, aumenta la possibilit a' di sbagliare, perche' aumenta il numero degli emendamenti e la loro varieta'''. ''E' vero che si potrebbero irrigidire le maglie in entrambi i rami del parlamento, ma sull'ammissibilita' la discrezionalita' dei presidenti di Camera e Senato e' ampia.

Il capo dello Stato invita a rendere i regolamenti piu' rigidi sull'ammissibilita'. Ma gia' oggi i presidenti, usando la loro discrezionalita', possono stringere molto le maglie''. Il presidente del Pd al Senato ricorda inoltre di battersi da ''otto anni con proposte di modifica del regolamento del Senato. La modifica dei regolamenti e' un momento decisivo dell'ammodernamento dello Stato ed e' un peccato non esserci riusciti: non tanto per vere contrarieta' nel merito, quanto per disinteresse diffuso. Servono modifiche regolamentari che prevedano tempi certi per l'approvazione dei disegni di legge. Cosi' si potrebbe limitare l'eccessivo ricorso ai decreti''. ''Il giorno dell'incidente sull'emendamento sulle slot machine - afferma Zanda a La Stampa - ho allertato per lettera tutti i senatori chiedendo loro una vigilanza rigida sui contenuti, non solo dei nostri, ma anche degli emendamenti degli alleati, dell'opposizione e anche del governo. Capita infatti che parlamentari presentino emendamenti su richiesta dell'esecutivo''. ''Il bicameralismo perfetto - sostiene infine Zanda - ha provocato enormi lungaggini e distorsioni nel processo legislativo e la riforma deve escludere la possibilita' di due Camere che danno la fiducia al governo. Di qui la necessita' che una delle Camere non abbia parlamentari eletti. Il voto conclusivo sul Senato puo' arrivare entro il 2014''. com-ceg

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Centrosinistra
D'Alema: con Orlando segretario Pd si riaprirebbe dialogo
Pd
Pd, commissione unanime: primarie 30 aprile. Renziani: via alibi
Pd
Pd, Cuperlo: calendario congresso è errore, voto negativo
Pd
Pd, Rosato: carte bollate? Emiliano si occupi di contenuti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech