giovedì 08 dicembre | 08:57
pubblicato il 28/dic/2013 11:57

Napolitano: Zanda (Pd), regolamenti Camere da modificare (La Stampa)

Napolitano: Zanda (Pd), regolamenti Camere da modificare (La Stampa)

(ASCA) - Roma, 28 dic - ''Il procedimento legislativo si e' andato via via deformando negli ultimi venti anni ed oggi la malattia e' ancora piu' evidente. C'e' stato un progressivo svuotamento della funzione legislativa del Parlamento''. Lo dice in un'intervista alla Stampa Luigi Zanda, capogruppo del Partito democratico al Senato. E poi aggiunge: ''La radice del pericolo sta nell'eterogeneita' delle materie di questi provvedimenti. Quando un decreto regolamenta troppe materie diverse fra loro, aumenta la possibilit a' di sbagliare, perche' aumenta il numero degli emendamenti e la loro varieta'''. ''E' vero che si potrebbero irrigidire le maglie in entrambi i rami del parlamento, ma sull'ammissibilita' la discrezionalita' dei presidenti di Camera e Senato e' ampia.

Il capo dello Stato invita a rendere i regolamenti piu' rigidi sull'ammissibilita'. Ma gia' oggi i presidenti, usando la loro discrezionalita', possono stringere molto le maglie''. Il presidente del Pd al Senato ricorda inoltre di battersi da ''otto anni con proposte di modifica del regolamento del Senato. La modifica dei regolamenti e' un momento decisivo dell'ammodernamento dello Stato ed e' un peccato non esserci riusciti: non tanto per vere contrarieta' nel merito, quanto per disinteresse diffuso. Servono modifiche regolamentari che prevedano tempi certi per l'approvazione dei disegni di legge. Cosi' si potrebbe limitare l'eccessivo ricorso ai decreti''. ''Il giorno dell'incidente sull'emendamento sulle slot machine - afferma Zanda a La Stampa - ho allertato per lettera tutti i senatori chiedendo loro una vigilanza rigida sui contenuti, non solo dei nostri, ma anche degli emendamenti degli alleati, dell'opposizione e anche del governo. Capita infatti che parlamentari presentino emendamenti su richiesta dell'esecutivo''. ''Il bicameralismo perfetto - sostiene infine Zanda - ha provocato enormi lungaggini e distorsioni nel processo legislativo e la riforma deve escludere la possibilita' di due Camere che danno la fiducia al governo. Di qui la necessita' che una delle Camere non abbia parlamentari eletti. Il voto conclusivo sul Senato puo' arrivare entro il 2014''. com-ceg

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Fi
Fi, Berlusconi ricoverato. Zangrillo: stress, a breve dimesso
Pd
Pd, Orfini: ok sostegno militanti ma sia senza rabbia
L.Bilancio
L.Bilancio, governo pone fiducia in aula Senato su art.1
Governo
Consultazioni Mattarella fino a sabato, chiudono Fi M5s e Pd
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni