venerdì 02 dicembre | 23:50
pubblicato il 18/lug/2012 19:52

Napolitano vede Monti: Incontro urgente su decreti e Sicilia

Premier riferisce soddisfazione per missione Usa

Napolitano vede Monti: Incontro urgente su decreti e Sicilia

Roma, 18 lug. (askanews) - Giorgio Napolitano interrompe i suoi appuntamenti mattutini, che lo vedevano impegnato ad aprire un seminario di studi sul diritto pubblico e costituzionale promosso dall'Università La Sapienza di Roma, per un incontro "imprevisto e urgente" con il premier Mario Monti, imprevisto come "l'accavallarsi delle scadenze politico-istituzionali interne e internazionali", ha spiegato il Capo dello Stato. Un incontro che, faranno sapere più tardi dal Colle, è servito a discutere del rischio crac della Sicilia e delle modifiche ai decreti all'esame del Parlamento. Nel colloquio, durato circa un'ora, Monti e Napolitano hanno espresso valutazioni e indirizzi, pur senza entrare nel merito delle scelte che il governo potrà compiere, sul percorso dei provvedimenti all'esame del Parlamento. Il primo è sicuramente quello sulla spending review che non poche difficoltà sta trovando da parte delle forze politiche e degli enti locali per i tagli drastici imposti dal governo. Toccherà al presidente della Repubblica emanare quei decreti - viene ricordato al Colle - ecco perchè si è reso probabilmente necessario uno scambio sulle correzioni che il governo intende apportare per accogliere forse parte delle richieste pressanti e giungere così all'approvazione di tutti i provvedimenti entro la pausa estiva dei lavori parlamentari. La visita al Colle è stata anche l'occasione per Monti per riferire sulla sua recente missione in Usa, l'incontro a Sun Valley con i guru dell'economia americana, del quale il premier si è detto soddisfatto soprattutto perchè 'agli americani non importa dello spread'. Monti ha illustrato a Napolitano anche la grave situazione economica della regione siciliana sulla quale è intervenuto ieri inviando una lettera al governatore Raffaele Lombardo per chiedergli conferma sulla data delle sue dimissioni il 31 luglio. Quanto alle scadenze internazionali il premier e il Capo dello Stato hanno avuto modo di confrontarsi anche sull'imminente vertice dell'Eurogruppo di venerdì a Bruxelles. Infine non è da escludere che ci sia stato anche un giro d'orizzonte tra il premier e il Capo dello Stato sul tema delle intercettazioni, anche se solo a livello di informativa, dal momento che al Quirinale smentiscono che ci possa essere un interesse di sorta ad affrontare il tema ad altro livello. Anche se oggi sul contenuto delle telefonate tra Napolitano e Nicola Mancino per l'uso delle quali il Quirinale ha sollevato il conflitto di attribuzione contro la Procura di Palermo, Antonio Di Pietro è tornato ad accusare il Colle di voler "nascondere la verità", parole dure che il portavoce del Presidente, Pasquale Cascella, ha bollato come "gravi espressioni diffamatorie alle quali il presidente non può purtroppo reagire".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Renzi: brogli voto estero? Film che ritorna da chi teme sconfitta
Riforme
Referendum, Salvini: voto estero comprato ma no vincerà comunque
Riforme
Renzi: col Sì Italia più forte in Ue su crescita e immigrazione
Riforme
Referendum, Renzi: con Mattarella italiani sono in ottime mani
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari