domenica 22 gennaio | 21:31
pubblicato il 19/lug/2012 05:10

Napolitano vede Monti: Incontro urgente su decreti e Sicilia

Premier riferisce soddisfazione per missione Usa

Napolitano vede Monti: Incontro urgente su decreti e Sicilia

Roma, 19 lug. (askanews) - Giorgio Napolitano interrompe i suoi appuntamenti mattutini, che lo vedevano impegnato ad aprire un seminario di studi sul diritto pubblico e costituzionale promosso dall'Università La Sapienza di Roma, per un incontro "imprevisto e urgente" con il premier Mario Monti, imprevisto come "l'accavallarsi delle scadenze politico-istituzionali interne e internazionali", ha spiegato il Capo dello Stato. Un incontro che, faranno sapere più tardi dal Colle, è servito a discutere del rischio crac della Sicilia e delle modifiche ai decreti all'esame del Parlamento. Nel colloquio, durato circa un'ora, Monti e Napolitano hanno espresso valutazioni e indirizzi, pur senza entrare nel merito delle scelte che il governo potrà compiere, sul percorso dei provvedimenti all'esame del Parlamento. Il primo è sicuramente quello sulla spending review che non poche difficoltà sta trovando da parte delle forze politiche e degli enti locali per i tagli drastici imposti dal governo. Toccherà al presidente della Repubblica emanare quei decreti - viene ricordato al Colle - ecco perchè si è reso probabilmente necessario uno scambio sulle correzioni che il governo intende apportare per accogliere forse parte delle richieste pressanti e giungere così all'approvazione di tutti i provvedimenti entro la pausa estiva dei lavori parlamentari. La visita al Colle è stata anche l'occasione per Monti per riferire sulla sua recente missione in Usa, l'incontro a Sun Valley con i guru dell'economia americana, del quale il premier si è detto soddisfatto soprattutto perchè 'agli americani non importa dello spread'. Monti ha illustrato a Napolitano anche la grave situazione economica della regione siciliana sulla quale è intervenuto ieri inviando una lettera al governatore Raffaele Lombardo per chiedergli conferma sulla data delle sue dimissioni il 31 luglio. Quanto alle scadenze internazionali il premier e il Capo dello Stato hanno avuto modo di confrontarsi anche sull'imminente vertice dell'Eurogruppo di venerdì a Bruxelles. Infine non è da escludere che ci sia stato anche un giro d'orizzonte tra il premier e il Capo dello Stato sul tema delle intercettazioni, anche se solo a livello di informativa, dal momento che al Quirinale smentiscono che ci possa essere un interesse di sorta ad affrontare il tema ad altro livello. Anche se oggi sul contenuto delle telefonate tra Napolitano e Nicola Mancino per l'uso delle quali il Quirinale ha sollevato il conflitto di attribuzione contro la Procura di Palermo, Antonio Di Pietro è tornato ad accusare il Colle di voler "nascondere la verità", parole dure che il portavoce del Presidente, Pasquale Cascella, ha bollato come "gravi espressioni diffamatorie alle quali il presidente non può purtroppo reagire".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Nato
Emiliano: Trump ignora la Nato? Potremmo rinegoziare trattati
Pd
Emiliano: se qualcuno apre il congresso mi candido segretario Pd
Terremoti
Terremoto, Finocchiaro: Gentiloni pronto a riferire in Parlamento
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4