sabato 21 gennaio | 07:36
pubblicato il 05/nov/2012 20:31

Napolitano vede Alfano e chiude giro di consultazioni

Sul tavolo l. legge elettorale,fine legislatura e incandidabilità

Napolitano vede Alfano e chiude giro di consultazioni

Roma, 5 nov. (askanews) - Giorgio Napolitano ha concluso il giro di consultazioni con i leader dei partiti della strana maggioranza incontrando oggi pomeriggio Angelino Alfano. La settimana scorsa il capo dello Stato aveva visto Pier Ferdinando Casini e Pier Luigi Bersani. I temi sul tavolo sono stati ancora una volta la legge elettorale, la conclusione della legislatura e anche un giro d'orizzonte sul provvedimento che regola l'incandidabilità su cui il governo sta spingendo per una rapida approvazione. A quanto si apprende, il presidente della Repubblica avrebbe ribadito anche al segretario del Pdl, come ha fatto due giorni fa con una nota, che non è ipotizzabile il voto anticipato prima che sia stato concluso l'iter della legge di stabilità e soprattutto non senza aver modificato la legge elettorale. Il Quirinale resta vigile sulle trattative in corso in queste ore tra i partiti per trovare una mediazione sulla riforma, trattative che restano ancora poco chiare e che continueranno nei prossimi giorni durante l'iter al Senato. Per il capo dello Stato il 'paletto' resta quello del rispetto della rappresentatività chiesta dalla sentenza della Corte Costituzionale, tema legato al premio di maggioranza. La sua entità, la soglia dalla quale scatterebbe e i destinatari sono fondamentali infatti per assicurare sia una giusta rappresentanza delle forze in Parlamento sia la governabilità. Il secondo nodo da sciogliere riguarda la scelta dei parlamentari, un tema che è diventato e diventerà sempre di più argomento di campagna elettorale soprattutto per quelle forze che puntano sull'antipolitica, come l'M5S, ecco perchè i partiti, Pd compreso, cominciano ad interrogarsi sull'opportunità di mantenere le liste bloccate che hanno prodotto quel Parlamento di nominati tanto inviso alla pubblica opinione. Anche se ormai, viene fatto notare, il tempo per una riscrittura dei collegi sta per scadere. L'impressione insomma è che ci siano ancora troppe posizioni in campo, anche all'interno dei partiti, perciò Napolitano potrebbe decidere di attendere ogni suo ulteriore intervento fino a quando non si capirà cosa bolle davvero in pentola, ossia quando in Senato si andrà ai voti in Aula. L'intesa infatti dovrebbe essere raggiunta prima del passaggio alla Camera, visto che difficilmente la riforma della legge elettorale riuscirebbe a passare per una seconda lettura.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, Renzi al Nazareno incontra big del partito
Craxi
Berlusconi: mi manca Craxi, è stato vittima di un golpe
Terremoti
Terremoto, Finocchiaro: stanziati 30 milioni per l'emergenza
Maltempo
Rigopiano, Gentiloni: grazie a chi salva vite, forza e coraggio
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4