lunedì 05 dicembre | 11:38
pubblicato il 17/mar/2011 19:30

Napolitano: Uniti ce la faremo.Nessuno perda senso responsabilità

Coesione non sia "erosa da cieche partigianerie"

Napolitano: Uniti ce la faremo.Nessuno perda senso responsabilità

Roma, 17 mar. (askanews) - Un discorso di quasi trenta minuti a metà tra il passato dell'unificazione del paese, la "fase difficile" e piena di sfide che l'Italia vive oggi e il futuro ricco di incognite, anche quelle "terribili che ci riserva la natura". Il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, ha parlato davanti alle Camere riunite per il 150 anniversario dell'unità d'Italia richiamando tutti a coltivarla, a credere nella coesione del Paese, nel "cemento nazionale unitario" senza il quale l'Italia non reggerà alle prove. Il capo dello Stato si è mostrato fiducioso ma a una "condizione": bisogna essere uniti senza che tutto venga "eroso e dissolto da cieche partigianerie, da perdite diffuse del senso del limite e della responsabilità". "Questa è ormai la condizione della salvezza comune, del comune progresso". Un monito severo alla politica innanzitutto, a chi ha responsabilità pubbliche ed è tenuto ad esercitarle con "umiltà". Ad ascoltare il discorso il premier Silvio Berlusconi, i presidenti di Camera e Senato Gianfranco Fini e Renato Schifani, maggioranza e opposizione ma pochi esponenti della Lega Nord. Solo cinque i leghisti in aula. Il presidente ha preferito andare oltre e ai giornalisti che, a fine cerimonia, gli chiedevano durante il bagno di folla - l'ennesimo della giornata - cosa ne pensasse si è limitato a dire di "non averli contati". Celebrare l'unità, ha detto Fini nel suo intervento, "è un dovere civile di tutti gli italiani" nell'ottica della coesione nazionale. Umberto Bossi, da parte sua, ha giudicato le parole del presidente "un buon discorso" e Napolitano stesso "una garanzia". Napolitano non ha voluto nascondere le tante criticità dell'unificazione, "i problemi e le debolezze" con cui ancora il Paese deve fare i conti ma ha cercato anche di sgombrare il campo da "certe clamorose semplificazioni". Come l'idea che una riforma federale si possa fare 'contro' l'unità: non è possibile il federalismo può solo "rafforzarla" così come la Costituzione, modificabile in alcune sue parti, "non può prescindere dai principi e dai valori" che sono il suo fondamento.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, Di Maio: da domani al lavoro per futuro governo M5s
Riforme
Referendum, Renzi: ho perso io e mi dimetto, ma senza rimorsi
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Riforme
Referendum, affluenza boom alle urne: alle 19 è già al 57,24%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari