sabato 03 dicembre | 14:48
pubblicato il 30/set/2011 21:24

Napolitano sferza la Lega:leader separatisti finirono in manette

Affondo da Napoli. E sulla legge elettorale: urge nuovo sistema

Napolitano sferza la Lega:leader separatisti finirono in manette

Napoli, 30 set. (askanews) - Il luogo, Napoli, è tra i più adatti per una bacchettata - di quelle che suonano come 'ultimo avviso ai naviganti' - alla Lega Nord e alla sua propaganda separatista. Il giorno, oggi che sono state consegnate in Cassazione oltre un milione di firme per il referendum sulla legge elettorale, è il più appropriato per un affondo sulla legge Calderoli, altrimenti detta 'Porcellum'. E' un Giorgio Napolitano che colpisce senza giri di parole quello che parla oggi nella città partenopea, più precisamente nella facoltà dove si è laureato: Giurisprudenza. Emozionato, come ammette lui stesso, per il ritorno sui luoghi degli studi passati, il capo dello Stato torna su quanto aveva già detto a proposito di Padania e secessione. "Il popolo padano non esiste", sottolinea. E parlare di secessione significa stare "fuori dalla realtà", è "grottesco". Ma Napolitano oggi sceglie di andare più in fondo. L'occasione gli è offerta da una domanda del professor Massimo Villone, ex senatore, il quale chiede se sia giusto pensare che alla secessione non ci si possa arrivare nemmeno per via democratica, se sia giusto pensare che non esiste la suprema volontà del popolo sovrano invocata di recente dal leghista Marco Reguzzoni in contrapposizione ai poteri del presidente della Repubblica e, ancora, se sia giusto dire che il capo dello Stato sarebbe sempre chiamato a rispondere in prima persona a qualsiasi tentativo di attaccare la Repubblica. Interrogativo forbito che dà modo a Napolitano di lasciarsi andare ad una battuta: "Penso che l'onorevole Bossi dovrebbe essere grato a Villone per come ha elaborato il suo concetto...". Risate nell'Aula Pessina di Giurisprudenza, ma il pezzo forte sta per arrivare. Napolitano si interroga sulle origini di quelle "grida" che dai prati del nord invocano la secessione. Non nega la "rilevanza politica e sociale del movimento" leghista, ma non può che apprezzare come "positiva" la conversione del Carroccio al federalismo fiscale e l'abbandono "negli archivi del Parlamento" dei progetti di legge separatisti. Perchè, ed è l'avvertimento che poi scatenerà la Lega, "ove dalle grida si passasse ad atti preparatori di qualcosa che viene chiamata secessione tutto cambierebbe". E in proposito, il presidente della Repubblica ricorda l'arresto di Andrea Finocchiaro Aprile, leader del Movimento Indipendentista Siciliano arrestato nel 1944 dal governo Parri perchè accusato di tramare con i servizi segreti inglesi e americani per l'indipendenza della Sicilia. Per la cronaca, tornato libero nel '45, Finocchiaro Aprile venne di nuovo arrestato e inviato al confino a Ponza, fino al '46. Messaggio chiaro. Come quello sulla legge elettorale, argomento che Napolitano lega benissimo a quel filo che mai in questo periodo si sente di trascurare: la salute delle istituzioni, il rapporto con gli elettori. E' proprio quello che gli chiede uno degli studenti, Massimo: come si fa a recuperare la fiducia nelle istituzioni, nella politica? Napolitano coglie l'occasione per bocciare il Porcellum, sistema che ha "rotto il rapporto di responsabilità tra eletti ed elettori". Perchè, sebbene le preferenze abbiano i loro lati negativi, eliminarle ha favorito una situazione per cui "pare non sia tanto importante fare bene in Parlamento, ma mantenere buoni rapporti con chi ti nomina". Lungi dal capo dello Stato indicare quale sistema adottare ("non tocca a me"), ma una lancia la spezza a favore del Mattarellum, legge che il referendum elettorale vorrebbe ripristinare. Consentiva un "rapporto serrato con l'elettorato", dice Napolitano ricordando la sua esperienza quando fu eletto con la legge Mattarella nel '94. Ad ogni modo, è "innegabile la necessità di un nuovo sistema", avverte Napolitano. Quanto alla fiducia nella politica, l'invito agli studenti è a starci dentro per "cambiarne fortemente le modalità". Perchè "non ci sarà passione politica se voi decidete di ritrarvi, anzichè impegnarvi".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Politici, vip e costituzionalisti, tutti divisi al referendum
Riforme
Referendum, Renzi: con Mattarella italiani sono in ottime mani
Riforme
Referendum, Grillo: se perdiamo contro il mondo va bene lo stesso
Riforme
Referendum, Berlusconi: con voto a matita possibili i brogli
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari