domenica 26 febbraio | 00:02
pubblicato il 25/giu/2013 12:00

Napolitano: Serve più continuità di governo

Un caposaldo per democrazia e società civile

Napolitano: Serve più continuità di governo

Roma, 25 giu. (askanews) - "La continuità delle istituzioni è un elemento essenziale, non significa conservatorismo e immobilismo. Vorrei che ci fosse più continuità nell'istituzione governo". Lo ha detto il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, intervenendo al Premio per l'innovazione al Cnr. Il capo dello Stato ha sottolineato infatti che "l'Italia ha il record di fibrillazione politica, magari non sono passati nemmeno due mesi dalla formazione di un governo che l'argomento diventa la prossima incombente, imminente o fatale crisi di governo". "Abbiamo bisogno di continuità nelle istituzioni - ha aggiunto Napolitano - che fa tutt'uno con la capacità di autorinnovarsi". Secondo il presidente della Repubblica, infine, "il rispetto e la cura delle istituzioni sono capisaldi nella vita e nello sviluppo di uno Stato democratico e di una società civile degna di questo nome".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, Rosato: carte bollate? Emiliano si occupi di contenuti
Sinistra
Lavoro, scuola, ambiente: abito classico per la sinistra ex Pd
Pd
Errani lascia Pd: ora nuova avventura, ma ci ritroveremo
Governo
Napolitano: equilibrio Gentiloni punto fermo da salvaguardare
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech