martedì 28 febbraio | 03:05
pubblicato il 12/mag/2011 20:08

Napolitano: Sento fiducia gente. Non dare a Camere ruolo meschino

"I nostri parlamentari vanno riqualificati"

Napolitano: Sento fiducia gente. Non dare a Camere ruolo meschino

Roma, 12 mag. (askanews) - La giornata fiorentina è piena e tra 'botta e risposta' con gli studenti, convegni e visite ai musei il messaggio che viene dalla città, dalla gente è uno: "Presidente non mollare, siamo con te". Glielo dicono gli applausi delle piccole folle che si radunano al suo passaggio, glielo dice piazza Ognissanti, dove c'è il suo hotel, invasa da palloncini tricolore e dagli sbandieratori fiorentini. A tutti Giorgio Napolitano risponde stringendo mani e salutando, ben al di là del protocollo previsto, e, davanti a un Salone dei Cinquecento gremito, confessa: "Faccio come posso quello che debbo, quello che devo fare secondo la Costituzione". Il capo dello Stato ribadisce la consapevolezza della delicatezza della sua funzione, definita dal sindaco di Firenze Matteo Renzi "insostituibile". "Sento la responsabilità della fiducia che mi viene rivolta dagli italiani di tutte le tendenze politiche e di tutte le condizioni sociali" aggiunge il presidente, giunto al quinto anno del suo mandato con la missione di essere "super partes". Ma non mancano, anche oggi, i richiami alla politica, alla necessità di riforme che non scardinino lo Stato ma che lo rinnovino, a una maggiore rappresentanza femminile nelle istituzioni più alte. Napolitano dialoga per oltre un'ora con gli universitari della facoltà Cesare Alfieri: parla a braccio e spazia dai temi della politica estera, con un deciso appello all'Ue che deve evitare i ripiegamenti in se stessa e fare "autocritica" alle questioni più squisitamente nazionali. E fa un paragone con la Gran Bretagna che la dice lunga. Cita lo "scandalo" in cui sono stati coinvolti alcuni politici inglesi per essersi approfittati di alcuni benefici. Un caso che lì "ha fatto scalpore" e che ha portato alle dimissioni degli interessati. "Ma - nota - noi abbiamo una scala di giudizio un po' diversa e per questo motivo tutto quel clamore ci può sembrare eccessivo...". Severo, infine, il monito verso il Parlamento nazionale che, pur davanti a riforme federaliste, "non può ridursi a un esercizio povero o meschino delle sue responsabilità". Insomma, conclude il presidente, "c'è un problema di riqualificazione e rimotivazione dei Parlamenti nazionali e, se posso aggiungere, dei nostri parlamentari".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Centrodestra
Zaia a Berlusconi: io candidato premier? E' una manfrina
Centrodestra
Salvini gela Berlusconi: no a Zaia leader e a doppia moneta
Calcio
Renzi: Ranieri tradito dai suoi giocatori, ma tornerà...
Pd
Pd, D'Alema: attacchi Renzi? Non vorrei alimentare ossessioni
Altre sezioni
Salute e Benessere
Malattie rare, Scaccabarozzi: 560 farmaci in sviluppo nel mondo
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Fisica, Masterclass: 3000 studenti alla scoperta delle particelle
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech