giovedì 08 dicembre | 13:57
pubblicato il 03/apr/2013 12:00

Napolitano: Reazioni sconcertanti. Ai saggi solo 10 giorni

Possono sbloccare stallo ma non indicheranno soluzioni di governo

Napolitano: Reazioni sconcertanti. Ai saggi solo 10 giorni

Roma, 3 apr. (askanews) - Giorgio Napolitano ha definito "sconcertanti" le reazioni politiche e i sospetti sollevati sulla sua proposta di istituire due gruppi di lavoro in materia economica e istituzionale. Una soluzione alla quale il capo dello Stato spiega di essere arrivato sabato scorso a causa dello stallo politico in cui si è trovato dopo il secondo giro di consultazioni. Ma che è segnata intanto dal fatto che "per essere utili, il tempo giusto" della loro durata "è tra otto e dieci giorni". Ossia non oltre "il tempo della mia presidenza". E' un dato di fatto che le forze politiche non siano riuscite a trovare una soluzione per la formazione del governo e la situazione di difficoltà economica e di incertezza politica ha suggerito al presidente della Repubblica di restare in carica fino all'ultimo giorno del suo mandato per agevolare una soluzione e nell'interesse del paese. Ecco perchè Napolitano ha reagito con amarezza alle critiche e alle "reazioni di sospetto" nei confronti della sua scelta. Il presidente della Repubblica ne ha parlato ai dieci 'saggi' ricevuti ieri al Quirinale (e a quanto si apprende le riunioni continueranno a svolgersi al Colle anche nei prossimi giorni). A loro e al paese ha spiegato in cosa consiste il compito che gli è stato affidato rassicurando così anche le forze politiche che dopo un'iniziale reazione positiva hanno rialzato i toni polemici. "E' del tutto ovvio che qui non si crea nulla che possa interferire né nell'attività del Parlamento, né nelle decisioni che spettano alle forze politiche - ha chiarito -. Io mi sono trovato in una condizione di impossibilità a proseguire nella ricerca di una soluzione alla crisi di governo, data la rigidità delle posizioni delle principali forze politiche. E ho detto chiaramente che attraverso questi gruppi si può concorrere almeno a creare condizioni più favorevoli allo scopo di sbloccare una situazione politica irrigidita in posizioni inconciliabili". Dunque nessuna supplenza o tentativo di scavalcare i partiti come qualcuno ha denunciato, sicuramente una soluzione nuova ma, assicura Napolitano, una "decisione di portata assai limitata". Dieci giorni non di più, tanti quanti ne mancano all'inizio di quelle procedure per l'elezione del suo successore. Che, calcoli alla mano, potrebbero iniziare a partire dal 22 aprile con la convocazione del Parlamento in seduta comune. Ed è questo il vero fattore che potrebbe diventare determinante per sbloccare i veti incrociati dei partiti. Bersani lo ha detto chiaramente: "il semestre bianco è stata una difficoltà ulteriore" perchè "può lasciare spazio a dei tatticismi", superato il quale "la ripartenza è consegnata al nuovo Presidente". Ecco perchè il segretario del Pd si è riproposto per guidare un governo con la strategia del doppio binario, ossia chiedere i voti necessari al Senato ai grillini e l'astensione del Pdl, al quale offre la guida della Convenzione sulle riforme costituzionali. E visto che la partita è ormai aperta sul successore di Napolitano, il leader del Pd ha anche ribadito che "per quanto gli sarà possibile cercherà la convergenza più ampia", ma solo "fino a prova contraria". Napolitano si è poi detto "dispiaciuto" e si è scusato per l'assenza tra i dieci di una figura femminile spiegandola con l'urgenza e con l'assoluta informalità dell'organismo. Poi ha tenuto a precisare che "questi gruppi di lavoro non indicheranno un tipo o un altro di soluzioni di governo. Indicheranno quali sono, rimettendo un po' al centro dell'attenzione problemi seri, urgenti e di fondo del paese, questioni da affrontare - sia di carattere istituzionale sia di carattere economico-sociale nel contesto europeo - anche permettendo una misurazione delle divergenze e convergenze in proposito". Un lavoro, insomma, che potrebbe essere utile anche al suo successore se le forze politiche decidessero di trovare una formula per convivere e far partire un governo.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Consultazioni Mattarella fino a sabato, chiudono Fi M5s e Pd
Governo
Comitato del No: sarebbe bene Colle ci convocasse a consultazioni
Governo
Mattarella apre consultazioni,l'arbitro silente debutta in campo
Governo
Renzi: chi non vuole voto sostenga governo o urne dopo Consulta
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni